Atp Atlanta - Tonfo Sinner al debutto, l'azzurro crolla in 2 set contro O'Connell



by   |  LETTURE 6684

Atp Atlanta - Tonfo Sinner al debutto, l'azzurro crolla in 2 set contro O'Connell

È un ritorno amaro il rientro in campo di Jannik Sinner. Il tennista azzurro esce al debutto nel torneo Atp 250 di Atlanta dove crolla in due set contro il numero 132 al mondo Christopher O'Connell. Finisce con il risultato di 7-6;6-4 in poco più di un'ora e mezza con l'altoatesino che dà segnali davvero poco rassicuranti al suo rientro in campo.

Ad Atlanta cadono così sia Milos Raonic che Jannik Sinner, rispettivamente testa di serie numero uno e due nel torneo. Dopo un mese di assenza e di polemiche dopo la rinuncia alle Olimpiadi Jannik torna sull'amato cemento e prova a reagire ma subisce invece la quarta sconfitta consecutiva, la terza al debutto nel torneo (qui era partito con il Bye visto che era testa di serie numero due nel torneo.

Entrambi i tennisti partono a ritmi lenti e commettono diversi errori con Sinner che sembra avere il 'freno a mano tirato' I game scorrono veloce fino al decimo game quando sotto 5-4 Sinner al servizio arriva ai vantaggi e fatica, ma riesce ad andare sul 5 pari.

Sinner appare in difficoltà mentre l'australiano gioca sempre più in fiducia approfittando delle insicurezze avversarie. Si arriva comunque al tiebreak. Qui regna l'equilibrio con Sinner che si porta avanti di un minibreak ma lo perde con un brutto errore.

Sul 4-4 Sinner infila una bellissima risposta vincente e guadagna così due set point. Sinner non chiude e O'Connell con un gran passante annulla anche il terzo set point, sul 7-7 Sinner manca ancora un'opportunità e O'Connell lo passa nuovamente.

Con un ace O'Connell guadagna così il primo set.

Un ko inaspettato per l'azzurrino

L'azzurrino accusa il colpo e subisce il break nel primo game del secondo set andando subito sotto. O'Connell avanza senza problemi e non concede nulla al servizio, Sinner mostra un atteggiamento per certi tratti quasi 'rassegnato'

L'epilogo sembra ormai scritto con Jannik che prova a restare in gara fino alla fine, annulla sul 5-4 due match point all'australiano ma Sinner lo aiuta ancora una volta con l'ennesimo errore ed al terzo match point O'Connell chiude. Per Jannik si apre ufficialmente una vera e propria crisi.