Atp/Wta Tour - Primo storico titolo per Alcaraz a Umago. Palermo, vince Collins



by   |  LETTURE 1601

Atp/Wta Tour - Primo storico titolo per Alcaraz a Umago. Palermo, vince Collins

A 18 anni e 2 mesi, Carlos Alcaraz diventa il più giovane tennista da Kei Nishikori (Delray Beach 2008) a vincere un torneo nel circuito maggiore. Con otto giorni di ritardo rispetto a Rafa Nadal, che il primo titolo in carriera lo aveva agganciato a Sopot nel 2004 dopo la sconfitta in finale ad Auckland lo stesso anno.

Insomma: il talentino spagnolo, costretto nell’arco della settimana agli straordinari solo da Lucas Pouille e Filip Krajinovic, non si lascia condizionare in maniera alcuna dalle circostanze e completa l’opera a Umago (dove il coach Juan Carlos Ferrero aveva al massimor raggiunto la finale nel 2009) con un nettissimo 6-2 6-2 ai danni di Richard Gasquet – parallelamente alla trentaduesima finale in carriera – e si avvicina a grandi passi alla Top 50 mondiale.

Doppietta Ruud: dopo Bastad vince a Gstaad

Reduce dalla vittoria sul mattone rossi di Bastad, Casper Ruud cala il bis a Gstaad. Dopo un torneo praticamente perfetto – macchiato solamente da un passaggio a vuoto nel cuore del secondo set contro Benoit Paire ai quarti di finale – il tennista norvegese raggiunge quota otto vittorie consecutive, ma soprattutto aggiunge al palmares il terzo titolo in stagione.

Il quarto in carriera. Il 6-3 6-2 ai danni di Hugo Gaston che matura alla soglia dei novanta minuti di gioco è praticamente una conseguenza logica. Ruud – ovviamente assente a Tokyo – tenterà la ‘tripletta’ a Kitzbuhel.

Ai nastri di partenza in Austria anche tre azzurri.

Norrie e Collins 'rompono' la maledizione

Dopo quattro sconfitte consecutive in finale (di cui tre solo quest’anno) Cameron Norrie acciuffa parallelamente il primo titolo in carriera nel circuito maggiore grazie a un nettissimo 6-2 6-2 ai danni dello statunitense Brandon Nakashima.

Ovviamente un debuttante. Alla prima finale in carriera, se non altro nel circuito maggiore, non sbaglia neanche Danielle Collins. Anzi. La numero uno del seeding a Palermo abbatte la resistenza della rumena Ruse (in serie positiva da dodici partite) con un nettissimo 6-4 6-2.

Reduce dalla semifinale a Losanna, Maryna Zanevska si regala invece il titolo sul mattone rosso di Gdynia in Polonia. Battuta in finale Kristina Kucova con un rocciosissimo 6-4 7-6(4). Photo Credit: Getty Images