Olimpiadi Tokyo - Due vittorie su tre per l'Italia. Esordio facile per Djokovic



by   |  LETTURE 3335

Olimpiadi Tokyo - Due vittorie su tre per l'Italia. Esordio facile per Djokovic

L’Italtennis chiude col segno positivo la prima giornata del torneo olimpico che vedeva impegnati tutti i tre alfieri della spedizione. Alla sconfitta in apertura di programma di Lorenzo Musetti rispondono le vittorie di Lorenzo Sonego e Fabio Fognini che chiudono un immaginario 2-0 nei confronti del Giappone.

Nessun problema, invece, per Novak Djokovic che comincia la missione olimpica schiantando il boliviano Dellien. Il match più intrigante di giornata è la rimonta incredibile completata da Sonego che, dopo aver smarrito il primo set ed essere stato sotto nel secondo, cancella un matchpoint a Taro Daniel e vince al tie-break sia secondo sia terzo set per raggiungere il secondo turno dove troverà Basilashvili.

Il giocatore di casa ha servito per il match sul 6-4 5-4, ma l’azzurro ha piazzato il controbreak a zero per poi inseguire nuovamente anche al tie-break fino a cancellare un matchpoint sul 5-6 prima di chiudere 8-6.

Nel terzo è il torinese a non sfruttare un break di vantaggio e farsi trascinare sul 6-6, dominando però il tie-break decisivo. Fa il suo dovere senza sbavature Fabio Fognini che supera 6-4 6-3 Sugita con zero break subiti e, soprattutto, una prestazione maiuscola al servizio col report di fine gara che recita dieci ace, non esattamente una consuetudine per Fabio.

Il ligure al secondo turno se la vedrà con Gilles Simon, vincitore in tre set contro Gerasimov e anche qui dovrebbe partire coi favori del pronostico. Nulla da fare, invece, per Musetti battuto con un severo 6-3 6-4 da John Millman.

Brutta giornata per il talentino azzurro che concede la bellezza di dieci palle break con quattro turni di servizio persi, ma questa non avrà sicuramente tempo di rifarsi ad altri Giochi Olimpici. Poco più di un allenamento agonistico il debutto olimpico di Novak Djokovic che qui a Tokyo insegue sostanzialmente l’unica perla che manca alla sua collezione sconfinata.

Il serbo stritola con un doppio 6-2 il modesto boliviano Dellien in 63 minuti con 7 ace e un incoraggiante ‘0’ alla voce palle break concesse. Il numero uno del mondo al secondo turno troverà Struff contro cui ha perso soltanto un set in cinque precedenti.