Atp Bastad - Coria ferma Cecchinato. Amburgo, Tsitsipas ritrova il successo



by   |  LETTURE 1651

Atp Bastad - Coria ferma Cecchinato. Amburgo, Tsitsipas ritrova il successo

Dopo il successo ai danni di Richard Gasquet, reduce tra le altre cose dalla sconfitta contro Roger Federer sui prati dei Championships, Marco Cecchinato non riesce ad abbattere la resistenza di Federico Coria. Giustiziere di Federico Cerundolo al primo turno.

Nonostante un set di vantaggio (e una palla break per scappare sul 4-3 nel cuore del secondo) il tennista siciliano non riesce evidentemente a resistere al contraccolpo psicologico e nemmeno a mantenere il ruolo del predatore.

Coria - che spezza gli equilibri nel terzo grazie a un early-break e che tendenzialmente limita il numero degli errori non forzati nel corso degli scambi prolungati - irrobustisce il vantaggio nei pressi del traguardo e sigilla di fatto il successo sul 4-6 6-4 6-3 poco dopo due ore.

Ad attenderlo ai quarti di finale il numero due del seeding Christian Garin. Da registrare nel day-3 a Bastad anche il successo di Yannick Hanfmann ai danni di Jiri Vesely. Nel day-4 scenderà in campo anche Fabio Fognini, numero tre del seeding e in rotta di collisione con lo spagnolo Roberto Carballes Baena che non ha mai affrontato nel circuito maggiore.

Esordio positivo per Tsitsipas in Germania

Sulla terra di Amburgo ‘salta’ Philipp Kohschreiber, personaggio ancora abituato a lottare tra le mura di casa, battuto in tre set dal serbo Philipp Krajinovic. Durano invece un set i patemi di Laslo Djere contro il brasiliano Tiago Seyboth Wild, battuto parallelamente con un rocciosissimo 7-6(4) 6-1 alla soglia delle due ore di gioco.

Il sipario sul day-3 cala con il match di Stefanos Tsitsipas, impegnato sul ‘Centralone’ di Amburgo contro Domenik Koepfer. Chiamato a vendicare il passo falso sui prati di Church Road, in un periodo decisamente complicato, il greco si ritrova a condensare la stragrande maggioranza delle difficoltà nel corso del primo set.

Manco a dirlo recupera un break di ritardo, non sfrutta cinque set point ai piedi del jeu decisif, ma spezzagli equilibri con un parzialone di 5-2 e si limita a gestire la faccenda nel secondo. Emblematico il 7-6(3) 6-3 finale. Photo Credit: Getty Images