Atp Eastbourne - Sonego sì, Seppi no. Niente 'derby' in semifinale

Il tennista altoatesino si fa beffare da Max Purcell. Nelle quali dei Championships si ferma Gaio

by Perri Giorgio
SHARE
Atp Eastbourne - Sonego sì, Seppi no. Niente 'derby' in semifinale

Sui prati di Eastbourne, Alex Purcell ha vinto quattro delle cinque partite che ha disputato. Tutte al terzo. Con la targhetta del lucky loser addosso - e il successo ai danni del numero uno del tabellone Gael Monfils - il tennista australiano nega ad Andreas Seppi il derby con Lorenzo Sonego.

Dopo un primo set praticamente perfetto - e un secondo da spettatore - il numero quarantré del ranking in doppio (prossimo quanto meno alla Top 250 in singolare) gestisce in maniera decisamente migliore la terza frazione.

Sigillando di fatto il successo sul 6-4 1-6 6-4 dopo poco più di due ore di gioco.

Sonego avanza, finisce l'avventura di Gaio nelle quali di Wimbledon

Da Roma a Eastbourne. Nel mezzo, tre sconfitte di fila al primo turno.

Lorenzo Sonego - dopo il successo ai danni di John Millman al secondo turno - si sbarazza senza troppe difficoltà anche di Alexander Bublik e raggiunge quanto meno il tavolone dei primi quattro nel '250' di Eastbourne.

Il tennista azzurro, aiutato dalle circostanze, domina la prima frazione, non sfrutta un break di vantaggio nel cuore del secondo, serve con scarsi risultati per il match sul 5-4, ma ripristina nel game immediatamente successivo il vantaggio e alla soglia dei novanta minuti di gioco si stampa sul 6-1 7-5.

'Sonny' giocherà la settima semifinale in carriera nel circuito maggiore, la seconda sui prati. Il sogno di Federico Gaio nel tabellone cadetto dei Championships trova una conclusione nel turno decisivo. Il tennista azzurro, che aveva battuto Blaz Rola e Roman Safullin, come da pronostico non riesce ad abbattere la resistenza di Denis Kudla.

Lo statunitense - capace addirittura di raggiungere il quarto turno sul verde di Church Road - nonostante qualche problema nel cuore del secondo set riesce a strappare il successo con un rocciosissimo 6-2 7-5 6-4. A Maiorca non apporta particolari modifiche al progetto Daniil Medvedev, leader del gruppone.

Il russo - che spezza gli equilibri ai piedi del jeu decisif nella frazione inauugrale - irrobustisce il vantaggio con un mega-parziale di 4-1 e chiude sul 7-5 6-2 dopo poco meno di due ore di gioco. Photo Credit: Getty Images

Max Purcell
SHARE