Roland Garros - Tutto facile per Zverev. Zidansek-Pavlyuchenkova semi delle sorprese



by   |  LETTURE 1503

Roland Garros - Tutto facile per Zverev. Zidansek-Pavlyuchenkova semi delle sorprese

Cambia la superficie, non il risultato. Dopo il netto successo sul cemento di Flushing Meadows nel 2020, Alexander Zverev piega Alejandro Davidovich Fokina con un score assai simile anche sulla terra di Parigi nel 2021. Il 6-4 6-1 6-1 che matura alla soglia delle due ore di gioco è un manifesto.

"Sascha" ha bisogno di recuperare un break di svantaggio in due occasioni nel corso della frazione inaugurale e non sfrutta il servizio a disposizione sul 5-3. Poco male. Con il break che acciuffa nel decimo gioco, il numero sette del gruppone spezza definitivamente gli equilibri.

Il tennista spagnolo - che non trova armi sufficientemente valide per combattere da fondocampo e che risente della fatica accumulata nel corso dei quattro impegni settimanali - si affida a un progetto tattico del tutto casuale nel tentativo di non offrire punti di riferimento.

Non dà garanzie neanche il servizio. Per il tedesco, che dalla partenza schock con Oscar Otte ha completamente cambiato marcia, sarà la terza semifinale in carriera: ad attenderlo uno tra Daniil Medvedev e Stefanos Tsitsipas.

Tabellone femminile: semifinale che non ti aspetti

Tamara Zidansek e Anastasia Pavlyuchenkova. Ebbene sì: la numero ottantacinque e la numero trentadue del mondo si contenderanno, a sorpresa, un posto in finale sul mattone rosso di Parigi.

La tennista slovena - che non aveva mai neppure superato il taglio del secondo turno in un torneo dello Slam - In una partita indecifrabile con Paula Badosa, presente nel lotto delle favorite per la vittoria finale, non sfrutta un set e un break di vantaggio, ma riesce comunque a racimolare le forze nel rush finale e a giocare i due game finali in maniera praticamente perfetta.

Non solo cancella tre palle break sul 6-6, ma assesta la spallata decisiva immediatamente dopo e sigilla il successo sul 7-5 4-6 8-6. Nel 2011 aveva raggiunto i quarti di finale. A distanza di dieci anni è riuscita a ritoccare il miglior risultato in un torneo dello Slam.

Al settimo tentativo utile e alla cinquantesima partecipazione in assoluto. Anstasia Pavlyuchekova batte Elena Rybakina, brava a risalire dal 5-6 0-30 nel corso della frazione inaugurale e a dominare il tie break. La tennista kazaka - che nel cuore del secondo set perde completamente il sostegno del servizio - non trova comunque armi sufficientemente valide per resistere.

Anzi. Nel corso del deciding set è sempre quella a rischiare maggiormente nei turni di battuta. Pavlyuchenkova, che non sfrutta una manciata di 0-30, condensa poi la stragrande maggioranza delle attenzioni nel sedicesimo game e chiude la pratica alla prima prima occasione buona. Photo Credit: Getty Images