Atp Roma - Djokovic chiude la partita al tie-break dopo la lunga pausa



by   |  LETTURE 4401

Atp Roma - Djokovic chiude la partita al tie-break dopo la lunga pausa

Il cammino di Novak Djokovic agli Internazionali BNL d’Italia è iniziato con un match fortemente condizionato dalle condizioni atmosferiche e dalla pesantezza del campo. Il campione serbo è andato vicino a chiudere l’incontro prima che aumentasse l’intensità della pioggia e il giudice di sedia fosse costretto a sospendere la sfida, ma Taylor Fritz non si è arreso e ha trovato il contro-break nel momento del bisogno.

Dopo oltre tre ore di interruzione, i due tennisti sono tornati in campo per il riscaldamento e Djokovic è apparso piuttosto nervoso come l’urlo lanciato verso l’arbitro al termine della prima fase della partita può testimoniare.

Sul 5-5, Fritz ha servito in maniera ottima e, anche con l’aiuto di un falloso Djokovic, si è portato ad un game dal secondo set. Il serbo ha però raggiunto il tie-break grazie a due fantastici servizi. In due occasioni, Djokovic ha perso il mini-break di vantaggio e rimesso in corsa l’americano, ma alla fine ha comunque ritrovato il suo tennis e chiuso di misura la disputa.

Djokovic chiude al tie-break la partita con Fritz

Agli ottavi di finale, il prossimo giovedì, Djokovic affronterà uno tra Cameron Norrie e Alejandro Davidovich Fokina, che si affronteranno per la seconda volta in carriera.

Nella prima partita in cui si sono sfidati, è stato lo spagnolo ad avere la meglio. “Non è la prima volta che mi arrabbio in campo, ovviamente non sono contento della mia reazione. Però abbiamo giocato quasi due set sotto la pioggia, in condizioni anche pericolose per i movimenti e le gambe, ma era giusto interrompere la partita” , ha dichiarato il 18 volte vincitore di un torneo del Grande Slam ai microfoni di Sky Sport.

“Nel tie-break lui era sopra 5-4. Ho iniziato la partita molto bene, con un set e un break di vantaggio. Dopo gli ho permesso di entrare con una serie di errori. Sono stato un po’ passivo, ma sono riuscito comunque a chiudere in due set.

Domani dovrò allenarmi sui dettagli sul campo e spero di giocare meglio la prossima partita. Nel tennis cambiano spesso le condizioni di gioco da un giorno all’altro? Certo, ma non è terribile. Ovviamente è una sfida, ma è una cosa che ho fronteggiato molte volte nel corso della mia vita e della mia carriera.

Nonostante tutta la mia esperienza, mi arrabbio ancora in campo. Questo significa che tutti siamo umani e che tutti proviamo delle emozioni. Cresciamo e impariamo ogni giorno a comportarci meglio in campo” .