Atp Roma - Sinner si prende Nadal. Fuori Fognini, Travaglia batte il 'solito' Paire



by   |  LETTURE 4005

Atp Roma - Sinner si prende Nadal. Fuori Fognini, Travaglia batte il 'solito' Paire

Sarà Sinner-Nadal. Il talentino azzurro supera il taglio del primo turno sul Campo Centrale del Foro Italico senza particolari difficoltà e si incastra nello spicchietto del tabellone presidiato dal nove volte campione del torneo.

Ugo Humbert – giocatore decisamente poco adatto alle superfici lente – fa quel che può. Poco, nella stragrande maggioranza dei casi. Il 6-2 6-4 che matura alla soglia degli ottanta minuti di gioco è praticamente una conseguenza logica.

La questione è semplice: Sinner è semplicemente più forte. Il talentino azzurro serve bene, si muove bene e soprattutto domina il confronto da fondocampo. Manco a dirlo si procura chance di break in tre dei quattro turni di risposta e senza particolari difficoltà si accomoda sul 6-2 dopo poco più di trenta minuti di gioco.

Nel quasi disperato tentativo di non concedere punti di riferimento negli scambi prolungati, Humbert tenta di apportare qualche piccola miglioria al piano tattico. O quanto meno di togliere un po’ di peso alle soluzioni sul lato debole.

Sinner recupera un break di svantaggio e con un mega-parziale di 4-0 blinda la pratica.

Fognini perde ancora, Travaglia batte Paire

Tre delle cinque sconfitte sul rosso di Fabio Fognini in stagione sono arrivate al primo turno.

Non un buon segnale ai piedi del Roland Garros. Condizionato ancora una volta da una scarsa condizione fisica, il numero tre del blocco Italia non riesce a organizzare una vera e propria difesa contro Kei Nishikori. Che manco a dirlo aveva battuto nel più recente dei precedenti a Miami.

Il 6-3 6-4 finale lascia pochissimo spazio alle interpretazioni. Intendiamoci: il giapponese gioca una partita di quantità e qualità. Manco a dirlo non si disunisce dopo aver dilapidato una palla per il 4-0 e con un secondo strappo di 3-0 si assicura la prima frazione.

Fognini, altalenante e falloso, non trova alternative valide da fondocampo e lascia il servizio per strada anche in avvio di secondo. La differenza è che di chance in risposta per rientrare in carreggiata non se ne procura.

Nishikori controlla gli ultimi quattro turni di battuta e non apporta più modifiche al copione. Ad attenderlo al secondo turno ci sarà Pablo Carreno Busta, giustiziere di Laslo Djere. Contro il solito, vecchio, Benoit Paire di solito basta il minimo indispensabile.

Stefano Travaglia fa tutto quello che deve fare per evitare i problemi – e per non lasciarsi condizionare dai teatrini del francese – e per acciuffare un rocciosissimo 6-3 6-4 alla soglia dei novanta minuti di gioco.

Da segnalare anche i successi di Aslan Karatsev (che affronterà Daniil Medvedev) e di Taylor Fritz nella prima parte di giornata. Photo Credit: Getty Images