Daniil Medvedev e la terra battuta: i dubbi del russo



by   |  LETTURE 1573

Daniil Medvedev e la terra battuta: i dubbi del russo

Nel Masters 1000 di Madrid si aprirà la stagione sul rosso di Daniil Medvedev con qualche settimana di ritardo dovuto alla positività al covid-19 riscontrata nei primi giorni del torneo di Monte-Carlo che ha costretto il russo a dare forfait.

Non un rapporto idilliaco, per usare un eufemismo, quello tra il numero 3 del mondo e il mattone tritato. Le sue caratteristiche, infatti, mal si sposano con la superficie, anzi. E proprio di questo il russo ha parlato alla vigilia del torneo spagnolo che lo vedrà esordire contro il vincente della sfida tra il francese Herbert e lo spagnolo Davidovich Fokina.

“Onestamente non credo che cambierà il mio rapporto con la terra battuta”, sentenzia Medvedev. “Penso che i miei colpi e il mio fisico non si adattino bene a questa superficie. La prima settimana che arrivo sulla terra, odio tutto ciò che mi circonda.

Odio essere in campo e questo è molto raro per me. Poi mi ci abituo e la situazione migliora. Ciò che mi motiva di più è che sono in grado di vincere partite. Qualche anno fa ho battuto grandi giocatori sulla terra battuta, ero in ottima forma.

Quindi so che sono capace di farlo di nuovo, devo solo ritrovare quelle sensazioni, che per me è difficile su questa superficie”. Il russo prenderà parte all’appuntamento madrileno soltanto per la terza volta in carriera ed è ancora a caccia del primo successo, nonostante le condizioni più veloci dei campi: nel 2018 perse in due set contro Edmund, mentre l’anno seguente si arrese in tre contro Pella.

“Penso che l'altitudine possa aiutarmi. I campi di Madrid sono i più simili ai campi in cemento a causa di quelle condizioni, perché questa terra battuta è più veloce e il servizio può anche raggiungere una velocità maggiore.

Quindi questo è uno dei fattori che mi fa sentire più a mio agio in questo torneo. Devo vedere come mi sento nella prima partita, perché sarà molto importante acquisire fiducia”, dice il russo.

Sulle aspettative della stagione sul rosso Medvedev vola basso: “Il mio principale obiettivo è procedere step by step. Sia qui, a Roma che al Roland Garros, l'obiettivo è vincere almeno una partita”.