Atp Monte-Carlo - Sarà Sinner-Djokovic. Fognini parte bene, vince anche Cecchinato



by   |  LETTURE 2571

Atp Monte-Carlo - Sarà Sinner-Djokovic. Fognini parte bene, vince anche Cecchinato

Con la terra di Monte-Carlo tra le scarpe, Fabio Fognini ritrova anche il sorriso. A ventiquattro mesi di distanza dal successo nel Principato, il numero due del blocco Italia supera con un netto 6-2 7-5 Miomir Kecmanovic. Il serbo chiude con quattro vincenti (a fronte dei ventisette del ligure) e approfitta sostanzialmente delle circostanze per rimanere attaccato al punteggio nel secondo set.

“Fogna” raggiunge al secondo turno Jordan Thompson e si incastra nello spicchio di tabellone lasciato vacante da Daniil Medvedev, costretto a dare forfait causa Covid. Insomma: lo spazio per limitare i danni c’è.

Eccome se c’è.

Fognini, dominio 'a tratti'

Nella frazione inaugurale, Fognini accatasta la stragrande maggioranza delle difficoltà con il servizio a disposizione. Nel primo e nel settimo game. Il resto è come da copione un contorno del tutto necessario.

Il defending champion domina il confronto da fondocampo (manco a dirlo grazie a un pacchetto di soluzioni decisamente più ampio) vince una percentuale altissima di punti con la prima palla e soprattutto si muove bene.

Il passaggio a vuoto sul 5-1 – preludio di un break totalmente innocuo – non ha le stesse conseguenze di quello che arriva in qualche modo sul 2-0, nel secondo set. Con il traguardo in bella vista, “Fogna” rifiuta il più scontato degli epiloghi e si lascia incastrare nella ragnatela della lotta.

Kecmanovic piazza il primo vincente del match nel game del contro break, tiene successivamente il servizio (per la prima volta nel match) e vince complessivamente quattro dei successi cinque game a disposizione. Il serbo non spezza gli equilibri sul 4-3 – on serve – e non sfrutta nemmeno una situazione di 0-30 nel nono game.

Il risultato? Fognini ritrova quantità e qualità ai piedi di un jeu decisif e con una serie di tre vincenti consecutivi costruisce le basi per la vittoria.

Sarà Sinner-Djokovic, ok anche Cecchinato

La regolarità è probabilmente la migliore compagna di viaggio per Jannik Sinner nella prima a Monte-Carlo.

Il talentino azzurro, con la vista posata su Novak Djokovic, si presenta sul rosso del Principato con un secco 6-3 6-4 ai danni di Albert Ramos. Finalista nel 2017. Recuperato un break di svantaggio in avvio, il tennista altoatesino stabilisce le gerarchie con un parzialotto di 5-0 e con un early-break nel secondo (che difende sul 2-1, cancellando due chance per la mini-rimonta) non sbaglia.

Ad attendere il freschissimo finalista del Miami Open, come detto, il numero uno del mondo: a secco di match nel circuito maggiore della vittoria agli Australian Open. Dopo aver superato il setaccio delle qualificazioni, Marco Cecchinato trova quanto meno posto sul tavolone del secondo turno nel '1000' monegasco.

Contro un altro qualificato (Domenik Koepfer) il palermitano conferma il buon periodo di forma grazie a un netto 6-3 6-4 e si incastra nello spicchietto di tabellone di David Goffin, in totale crisi di risultati dal titolo ottenuto sotto il tetto di Montpellier. Photo Credit: Getty Images