Italia, è record di sempre nel ranking



by   |  LETTURE 2127

Italia, è record di sempre nel ranking

Berrettini, Fognini, Sinner, Sonego, Travaglia, Caruso, Musetti, Mager, Cecchinato, Seppi. Da stamane, scorrendo l’élite del tennis mondiale – che detto in numeri è la top 100 – ci sono dieci giocatori italiani.

È record da quando c’è un computer a stabilire una graduatoria numerica! Il precedente primato, raggiunto un paio di settimane fa, è stato ritoccato con la doppia cifra grazie all’ingresso – o meglio, al ritorno - di Gianluca Mager, reduce dalla fresca vittoria nel challenger di Marbella con vittoria in finale contro Jaume Munar, che trova posto in 91sima posizione, una più indietro di Musetti, superando anche Cecchinato (93) e Seppi (96).

Il movimento tennistico italiano è sempre più in crescita, Mager ha fatto finale e vinto nel Challenger di Marbella, ma dall'altra parte del mondo, al Miami Open, il giovane azzurro Jannik Sinner ha sfiorato l'impresa ed ha ceduto solo in finale al Masters 1000 (il suo terzo in carriera) contro il tennista polacco Hubert Hurkacz.

Sinner, Musetti, Berrettini sono solo alcuni dei tennisti che rappresentano la crescita del tennis azzurro e questo record di 10 italiani nella Top 100 certifica la crescita del movimento italiano con alcuni dei giovani più talentuosi del circuito internazionale.

La sfida alle altre nazioni

C’è quantità, visto che soltanto Spagna e Francia piazzano un gruppo più nutrito (11), ma anche molta qualità visto che Berrettini e Fognini restano tra i primi 20 e che, soprattutto, Jannik Sinner nonostante la sconfitta nella finale di Miami sembra sempre più lanciato verso grandi, grandissime cose.

C'è una spaccatura significativa perché i dieci alfieri azzurri non sono equamente distribuiti. Da una parte l'Italia ne piazza quattro tra primi 40 del mondo, 4 potenziali teste di serie in uno Slam per intenderci, mentre dall'altra ce ne sono altri 4 compresi tra gli ultimi 10 posti della top 100, ma ci si accontenta ben volentieri dopo anni di magra. Una cosa è certa: l’ItalTennis non è mai stata così in salute.