Atp Miami - Musetti si ferma al terzo turno: tutto facile per Cilic



by   |  LETTURE 2104

Atp Miami - Musetti si ferma al terzo turno: tutto facile per Cilic

L’avventura di Lorenzo Musetti a Miami trova una conclusione ai piedi degli ottavi di finale. Dopo i successi ai danni di Michael Mmoh e di Benoit Paire, il talentino azzurro non riesce a organizzare una vera e propria difesa contro Marin Cilic.

Il campione degli Us Open (anno 2015) nonostante una bassa percentuale di punti con la prima palla, stravince il confronto da fondocampo e soprattutto trova una maggiore quantità di alternative da fondocampo. Il 6-3 6-4 che matura dopo poco meno di novanta minuti di gioco è praticamente una conseguenza logica.

Ad attenderlo ci sarà uno tra Marton Fucsovics o Andrey Rublev

Musetti, il tempo c’è

Cilic condensa la stragrande maggioranza degli errori nel cuore del quinto gioco. Mano a dirlo con il dritto. Musetti si affaccia, sì, sul 15-40, ma adotta un piano strategico decisamente rinunciatario e si offre sostanzialmente agli uno-due del croato.

Bravo a risalire, ma soprattutto a mettere i piedi in campo nel gioco immediatamente successivo e ad assestare la spallata decisiva nel momento di massima difficoltà. Il talentino azzurro – che manca complessivamente tre palle per il tre pari – si spinge senza troppa convinzione a rete sul 40-40 e soprattutto si affida a una soluzione in drop sulla palla break per cavarsi fuori dallo scambio.

Il resto è un contorno del tutto necessario: Cilic, padrone degli scambi e praticamente perfetta con la battuta a disposizione, si trascina sul 6-3 senza apportare altre particolari modifiche al copione. Le dinamiche non cambiano nel corso del secondo set.

Anzi. Cilic serve bene, si muove bene e soprattutto comanda nel corso degli scambi prolungati. Musetti – che presenzia senza troppa convinzione in risposta – si spegne completamente sul 4-4. Il talentino azzurro scivola sullo 0-40, cancella la prima palla break in maniera spettacolare, ma forza la seconda palla nel tentativo di non dare punti di riferimento e finisce per sporcare il tabellino con il terzo doppio fallo del match.

Chiamato a servire per archiviare la faccenda, Cilic non trema e alla soglia dei novanta minuti di gioco taglia il traguardo e stacca il pass per gli ottavi di finale. Photo Credit: Getty Images