Atp Santiago - Mager, che peccato. Fuori anche Travaglia a Marsiglia



by   |  LETTURE 2106

Atp Santiago - Mager, che peccato. Fuori anche Travaglia a Marsiglia

Dopo le sconfitte di Marco Cecchinato e Salvatore Caruso, la pattuglia azzurra a Santiago perde anche la terza (e praticamente anche ultima) pedina dello scacchiere. Gianluca Mager va a tanto così dalla vittoria contro Federico Coria al primo turno.

Il sanremese non sfrutta però un set di vantaggio e soprattutto manca due match point nel corso del decimo gioco del secondo parziale. Dopo tre ore e dieci minuti di gioco, conditi da due tie break che il tennista argentino archivia con le medesime modalità e manco a dirlo il medesimo score, il 4-6 7-6(4) 7-6(4) è praticamente una conseguenza logica.

Fuori anche Travaglia: a Marsiglia rimane solo Sinner

Nel "250" di Marsiglia, nel secondo match nel circuito maggiore dalla finale di Melbourne 1 (persa in tre set contro Jannik Sinner) Stefano Travaglia non riesce invece a scavallare lo scoglio Mackenzie McDonald.

Il venticinquenne californiano, in un match estremamente equilibrato, traccia tutta la differenza del mondo nei due tie break che sostanzialmente domina lasciando per strada tre punti. Due in un caso, uno nell'altro. A distanza di quindici mesi ritorna a sorridere Jo-Wilfried Tsonga, che ai piedi del tie break del terzo set abbatte la resistenza di Feliciano Lopez.

Pierre Hugues Herbert sorprende Kei Nishikori, che oppone una vera resistenza solo nel secondo set, vince anche Matthew Ebden. Dura poco più di quaranta minuti la presenza sul campo centrale del fratellino di Stefanos Tsitsipas (Petros) che contro il non-irresistibile Alejandro Davidovich Fokina (se non altro sul cemento indoor) raccoglie la miseria di due game.

A Doha c’è invece da registrare il passo falso di Stan Wawrinka (a secco di successi dal primo turno degli Australian Open) battuto dopo quasi tre ore di gioco dal qualificato sudafricano Lloyd Harris. Nella stessa porzione di tabellone spicca Malek Jaziri, aggancia il centesimo successo in carriera nel circuito maggiore battendo Norbert Gombos.

Continua il periodo “sì” di Marton Fucsovics (finalistaa Rotterdam) giustiziere di Dusan Lajovic. Photo Credit: Getty Images