Atp Doha - Tutto pronto per il rientro di Federer. Ecco il primo avversario



by   |  LETTURE 3170

Atp Doha - Tutto pronto per il rientro di Federer. Ecco il primo avversario

Il circus è pronto a riabbracciare Roger Federer dopo 404 giorni: mercoledì 10 è il giorno da segnare con il pennarello sul calendario. Il campionissimo svizzero, che aveva deciso di porre fine alla stagione venti-venti dopo la sconfitta con Novak Djokovic in semifinale sul blu di Melbourne Park, esordirà nel “250” di Doha con il britannico Daniel Evans.

Avversario affrontato e ovviamente battuto in tre occasioni, curiosamente tutte a livello Slam. La prima sul prato di Wimbledon nel 2016 (6-4 6-2 6-2), la seconda sulla Rod Laver Arena nel 2018 (7-6 7-6 6-3) e la terza Flushing Meadows, nel 2019.

Il 6-2 6-2 6-1 dello scontro diretto più recente potrebbe raccontare da solo il divario che in circostanze di assoluta normalità è sempre esistito. Una banalità, tanto per intenderci. Si arrende piuttosto mestamente Jeremy Chardy, uno che invece Federer – sulla terra di Roma nel 2014 – lo aveva addirittura battuto.

In caso di successo, il venti volte campione Slam potrebbe vedersela con uno tra Borna Coric (che aveva tolto la “Dècima allo svizzero ad Halle una manciata di anni fa) e John Millman. Protagonista a sorpresa di una delle più grosse delusioni a livello Slam dello svizzero.

Più in là potrebbe invece esserci Denis Shapovalov.

Evans si "concede" un set di pausa. Battuto Chardy

Evans sfrutta solo una delle cinque chance di break che ha a disposizione nel corso del primo set, ma ne cancella complessivamente dieci.

Il tennista britannico, con un pacchetto di soluzioni decisamente più ampio da fondocampo, praticamente fa in tempo a smuovere lo zero dalla casella dei game nel secondo parziale. Chardy – che nelle primissime fasi del deciding set perde il sostegno della prima palla – si ritrova a rivestire il ruolo della seconda punta.

Evans, che gestisce in maniera praticamente perfetta gli scambi prolungati e che solamente in uno degli ultimi quattro turni di battuta ha bisogno di ricorrere ai vantaggi, archivia la pratica alla soglia delle due ore di gioco con un solidissimo 6-4 1-6 6-2.

Da registrare nel day-2 anche la netta vittoria di Vasek Pospisil ai danni dell’austrialano O’Connell. Photo Credit: Getty Images