ATP TENNIS

ATP DOHA - Monfils punisce Nadal e raggiunge la finale

-  Letture: 2571

Non sarà un’Epifania da ricordare per il pubblico di Doha, che nel giro di poche ore perde nell’ordine Roger Federer e Rafael Nadal. Non sarà un’Epifania da ricordare nemmeno per il nr.2 al mondo, autore di una prestazione al di sotto delle aspettative, dopo la bella vittoria di ieri contro Youzhny.

Ad approfittarne è quindi Gael Monfils, che approda in finale grazie al punteggio di 6-3 6-4, raggiungendo Jo-Wilfried Tsonga per un ultimo atto tutto francese. Per lo spagnolo, Monfils a Doha rappresenta una sorta di maledizione: prima d’oggi l’unico precedente vinto dal transalpino risale al 2009, avvenuto proprio nella terra degli sceicchi del Qatar, con un risultato, tra le altre cose, abbastanza simile: in quell’occasione terminò 6-4 6-4.

A favorire l’ipotesi di una singolare nuvoletta nera, è la semplicità con la quale Rafa ha vinto negli altri 8 scontri diretti, perdendo solo un set agli Us Open 2009. Coincidenze a parte, il copione della partita ha visto, come prevedibile, lunghi e sostenuti scambi da fondo campo, ma la poca incisività del maiorchino ha favorito i prodigiosi recuperi di Monfils, un fulmine negli scatti laterali, accompagnati talvolta da soluzioni improbabili quanto imprevedibili tanto da lasciar inchiodato Rafa.

Dopo un unico break nel primo parziale, lo spagnolo ha reagito in apertura di secondo, portandosi sul 3-0 e conquistando anche la palla del 4-0 e servizio, ma Gael è risalito da questa complicata situazione infilando un filotto di ben 5 giochi consecutivi dal 4-1.

Ma veniamo alla cronaca: la prima occasione è in favore di Monfils; nel sesto gioco, dal 40-15 Rafa si fa rimontare prima a causa di uno scivolone che spedisce la sua volee in corridoio, poi con uno sventaglio largo di poco, ma ai vantaggi il merito è tutto del francese che concretizza la chance con un fulmineo dritto lungolinea.

Nadal in risposta è troppo passivo dunque Gael ne approfitta e conferma il break sul 5-2. Al servizio per chiudere il parziale il transalpino scivola sullo 0-30, ma complici uno splendido rovescio all’incrocio delle righe e un grande servizio si procura un set point, sciupato però con un dritto in corridoio.

Ma ancora la battuta si rivela il miglior alleato per Monfils: prima una volee al seguito di un ottimo slice da destra, poi l’ace gli consegnano il meritato 6-3 finale. La seconda frazione vede però Nadal rientrare prepotentemente nel braccio di ferro da fondo variando, più insistentemente gli angoli con il suo gancio mancino.

Il francese cede quindi il servizio in apertura di secondo set, permettendo al nr.2 del mondo l’allungo sul 3-0, il quale si procura addirittura la palla del doppio break, ma bravo Gael in questo frangente a tirarsi fuori con una prima vincente.

Il rendimento di Rafa resta comunque altalenante: sul 4-2 infatti restituisce il break di vantaggio e nel gioco successivo succede di tutto. Gael sale 40-15 ma mette larga una volee elementare, Rafa acquista fiducia e conquista la palla break: la risposta di Nadal sembra in corridoio, Monfils gioca il colpo con indecisione distraendo lo spagnolo che mette in rete un dritto banale.

Questa serie di episodi finirà col favorire il francese che prima completa la rimonta, poi conquista il break che lo manda al servizio per il match sul 5-4. Tutto sembra finito sul 40-15 ma con un guizzo d’orgoglio Nadal risale sul 40-40: in questo punto cruciale il maiorchino trova angoli acutissimi, ma le gambe di Monfils arrivano dappertutto e gli consentono di piazzare addirittura il vincente al termine di uno scambio massacrante.

Alla terza palla della partita, però, Rafa stecca il rovescio cedendo così di schianto sul 6-4. Queste le sue parole: "Complessivamente non penso di aver giocato male, a inizio secondo set soprattutto ho fatto ciò che dovevo fare per vincere contro di lui.

Nella parte finale del match ho invece giocato male e sono anche stato un po' sfortunato nei punti decisivi. Ma lui ha fatto meglio di me e mi congratulo con lui". In soccorso di Nadal arriva però la scaramanzia: dopo la sonora sconfitta con Monfils a Doha nel 2009, lo spagnolo giocò un sontuoso Australian Open…
.