Atp Montpellier - Sonego non stecca all'esordio. Rientro "amaro" per Tsonga



by   |  LETTURE 4133

Atp Montpellier - Sonego non stecca all'esordio. Rientro "amaro" per Tsonga

Dopo gli Australian Open, il tennis dei grandi ritorna la normalità. Se non altro ai margini del rettangolo di gioco (con i giudici di linea) e sugli spalti. Completamente orfani di spettatori. Nel povero programma del giorno-uno a Montpellier – presumibilmente il più affascinante dei tre “250” settimanali – ci rientra Lorenzo Sonego.

Costretto al terzo set da Hugo Gaston, noto ai più per la favolosa avventura sulla terra del Roland Garros conclusasi agli ottavi di finale con Dominic Thiem. Il tennista torinese, che gestisce la faccenda per un set e mezzo, chiamato a irrobustire il vantaggio accumulato nel cuore del match accatasta la stragrande maggioranza degli errori con il colpo forte.

Serve (inutilmente) per il match sul 6-5, non sfrutta un match point nel tie break, ma dilaga comunque nel rush finale. Macchiando di fatto il tabellino con solo turno di battuta del tutto interlocutorio (sul 4-0) sfondo del più scontato degli epiloghi.

Dopo due ore di gioco il tabellone luminoso “dice” 6-3 6-7(7) 6-1. Ad attendere il tennista azzurro al secondo turno ci sarà Sebastian Korda, giustiziere di Jo-Wilfried Tsonga. Sì, proprio Jo-Wilfried Tsonga.

Tsonga rientra: Korda è ancora troppo

Al rientro dopo più di dodici mesi – a causa di problemi alla schiena – il tennista francese non gioca una cattiva partita. Semplicemente non riesce a mantenere con regolarità il ritmo di un avversario ben più rodato.

Korda, che dalla sconfitta contro Nadal sulla terra di Parigi ha praticamente vinto sedici delle diciannove partite disputate, si impone con un solidissimo 6-4 6-2. Da registrare nel day-1 anche il successo di Ugo Humbert ai danni di Norbert Gombos.

Il day-2 vedrà invece l’ingresso nel torneo di Andy Murray, che nei giorni dello Slam downunder ha ricorso al Challenger di Biella per inserire qualche partita nelle gambe. In caso di successo contro Egor Gerasimov (uno specialista sotto i tetti) il tre volte campione Slam potrebbe trovare sulla carreggiata Jannik Sinner.

Chiamato comunque al remake della sfida di secondo turno a Melbourne con Aljaz Bedene. Battuto in quel caso piuttosto facilmente. Photo Credit: Getty Images