ATP TENNIS

ATP DOHA - Un ottimo Rafael Nadal doma un ritrovato Mikhail Youznhy

-  Letture: 1799

Un buonissimo Rafael Nadal centra per la terza volta in carriera la semifinale all’Exxon Mobil di Doha, superando per 6-4 6-4 dopo un’ora e 49 minuti un combattivo Mikhail Youznhy, apparso rigenerato dopo un 2011 non esattamente esaltante.

Ottima la prova del maiorchino, la migliore in questo torneo. Lo spagnolo ha confermato la maggiore aggressività, garantita dal maggiore peso sulla racchetta che gli consente di imprimete più potenza ai propri colpi. Soprattutto di rovescio la differenza è davvero notevole rispetto all’anno scorso.

Oggi Nadal è riuscito anche a contenere il numero degli errori rispetto alla prova contro Kohlscreiber(troppo poco indicativa quella di ieri per fare testo). Dall’altra parte Youznhy ha disputato una gran gara, per lunghi tratti sorprendentemente regolare, mostrando ottimi colpi, ma anche una discreta condizione atletica.

Purtroppo per il russo, il suo tennis è fin troppo leggero per impensierire più di tanto un Nadal ben centrato, come quello odierno. Pronti via Nadal iniziava subito a martellare da fondo campo ed il russo era costretto a remare.

Qualche errore di troppo con il rovescio impediva però allo spagnolo di concretizzare le palle break conquistate in apertura di partita. Un gran passante di rovescio apriva finalmente la strada al primo e unico break del set, conquistato a zero da Nadal nel quinto gioco.

Il vantaggio reggeva senza scossoni ed in 50 minuti, Rafa metteva in cascina un primo set da 18 vincenti. La seconda partita vedeva un ispirato Youznhy salire per la prima volta in palla break con un bello schema rovescio lungo linea e schiaffo al volo di diritto.

Nadal riusciva però a salvarsi al termine di uno scambio eccellente caratterizzato da una serie di buoni back che aprivano la strada all’accelerazione vincente di rovescio. Scampato il pericolo Nadal provava a dare il colpo di grazia al suo avversario, operando il break nel terzo gioco, complice ancora un gran passante, sempre di rovescio.

Youznhy cominciava a sentire la stanchezza e cedeva nuovamente il servizio a zero. Ormai sull’orlo del burrone, il russo riusciva però a tirar fuori energie insperate, metteva insieme una serie di buoni rovesci, recuperando uno dei due break.

Sul 5-4 Youznhy riusciva addirittura a conquistare quattro possibilità dell’incredibile pareggio, ma Nadal reagiva da campione con tre prime palle di livello e una difesa delle sue, che portava il russo a sparacchiare out un rovescio fattibile.

Una volee di diritto, dopo il classico colpo uncinato era l’ultimo atto di una partita molto bella e combattuta, giocata ottimamente da entrambi i contendenti. Segnali di crescita dunque, quelli mostrati da Rafa, che sembra essere in progresso sia a livello fisico che a livello di gioco.

Ottima notizia anche l’aver ritrovato un buon Mikhail Youznhy, giocatore dal grande talento,garanzia di spettacolo, che nell’ultimo periodo sembrava in fase calante. Domani Nadal affronterà, nel penultimo atto del torneo, Gael Monfils. Singles
QF (3) J Tsonga defeats A Ramos 62 61
QF (2) R Federer defeats (8) A Seppi 63 57 64
QF (1) R Nadal defeats (7) M Youzhny 64 64
QF (4) G Monfils defeats (5) V Troicki 62 63 Doubles
SF C Kas / P Kohlschreiber defeats F Cipolla / A Seppi 63 62
SF F Polasek / L Rosol defeats D Tursunov / N Zimonjic 62 36 13-11 Luca Marrelli per TWI
.