Melbourne 1 e 2, si pensa ad una rivoluzione per il format: ecco le ultime



by   |  LETTURE 1386

Melbourne 1 e 2, si pensa ad una rivoluzione per il format: ecco le ultime

La notizia di un nuovo caso di positività all'interno di uno degli hotel di Melbourne ha gettato in allarme tutti gli addetti ai lavori e gli appassionati di tennis. Per questo motivo Craig Tiley, membro principale dell'organizzazione di Tennis Australia, è apparso davanti ai media per rassicurare tutti e spiegare le modifiche che potrebbero essere fatte per evitare stravolgimenti a ciò che accadrà qui in Australia.

Per prima cosa le 600 persone che si trovano nell'hotel dove lavorava la persona positiva resteranno isolate fino alla prova del tampone negativo e non potranno lasciare la loro stanza: fin dalle 9 del mattino usciranno per sottoporsi agli esami mentre le gare previste per questo Giovedì sono sostanzialmente rinviate al giorno dopo e proprio su questo, con gli Australian Open che appaiono imminenti, Tiley ha voluto chiarire la situazione.

L'organizzazione inoltre sottolinea che a loro parere le possibilità che ci sia un positivo tra questi 600 sono davvero molto basse.

Cosa accadrà ai tornei prima dell'Australian Open?

Nel corso della conferenza Craig Tiley ha spiegato che le gare ripartiranno venerdì ma, visto che, bisogna chiudere tutto entro Domenica (lunedì inizia il primo Slam dell'anno) alcuni tennisti potrebbero giocare tutti i giorni e qualcuno addirittura due gare nello stesso giorno.

Inoltre nello stato di Victoria venerdì è prevista pioggia ed in tal caso c'è preoccupazione su come terminare tutto. Nelle prossime ore gli organizzatori di Tennis Australia si incontreranno con membri dell'Atp e della Wta per discutere clamorosi cambi al format dei tornei con la possibilità di disputare il supertiebreak al posto del terzo set o addirittura quella di ridurre (ci riferiamo sempre ai tornei di Melbourne 1 e Melbourne 2) i giochi a soli 4 giochi per set.

A breve ci saranno ulteriori delucidazioni ma tra gli addetti ai lavori c'è preoccupazione. Il sorteggio per gli Australian Open invece non è stato fatto più stanotte, ma sarà rinviato a domani notte, tra le 4 e le 5 del mattino in Italia.

In ogni caso sia Tiley che l'intera organizzazione sono fiduciosi di poter chiudere tutti i tornei entro domenica in modo che da lunedì si possa iniziare senza problemi a Melbourne Park. Solo positività tra le 600 persone potrebbe creare seri problemi per l'organizzazione del torneo, ma al momento meglio non pensare a questa evenienza.