Atp Melbourne 1 e 2 - Tris Italia: Sinner, Travaglia e Caruso avanti



by   |  LETTURE 1453

Atp Melbourne 1 e 2 - Tris Italia: Sinner, Travaglia e Caruso avanti

Jannik Sinner abbraccia il 2021 con una vittoria assolutamente priva di grattacapi. Contro il modesto australiano di origine serbo-croata Aleksandr Vukic – abituato a navigare intorno alla duecentesima posizione – il talentino azzurro fa quello che deve in poco più di sessanta minuti di gioco.

Con una prestazione da zero errori non forzati (statistiche ATP alla mano) l’azzurro non perde mai il contatto da un break che acciuffa in avvio e gestisce poi in maniera ordinata tutte le situazioni di gioco. Sia con la battuta a disposizione che in risposta.

Praticamente inevitabile il 6-2 6-4 finale. Ad attenderlo agli ottavi di finale ci sarà Aljaz Bedene (giustiziere dell’australiano Sweeney) che ha vinto peraltro i due precedenti, datati entrambi 2019. Uno nel circuito Challenger e l'altro sulla terra di Umago.

Che vittorie di Travaglia e Caruso. L'Italia cala il tris

Nel Great Ocean Road Open arrivano anche i successi di Stefano Travaglia e Salvatore Caruso. “Steto” vince un match da gigante contro chi gigante lo è davvero (Sam Querrey) recuperando un set di svantaggio.

Grazie a due break – che spalma inmaniera chirurgica a cavallo tra il secondo e il terzo set – si porta sul 6-7(4) 6-4 6-3 dopo due ore di gioco. Caruso annota invece sul taccuino delle vittime un cagnaccio come Tennys Sandgren, già capace di raggiungere in due occasioni i quarti di finale agli Australian Open.

Il tennista siciliano, che serve inutilmente per il match nel corso del secondo set, mantiene saldi i nervi nel rush finale e manco a dirlo sigilla il successo sul 6-4 6-7(2) 6-1. Ad attenderlo agli ottavi di finale ci sarà Miomir Kecmanovic.

Numero sette del seeding. Nel Murray River Open (Melborune 1 per facilità) nessun particolare scossone da registrare. Stan Wawrinka vince contro Mikhail Kukushkin, nonostante un set di pausa, avanzano invece senza difficoltà Borna Coric e Felix Auger Aliassime.

A valanga contro il giapponese Sugita. Reduce dal primo successo in undici mesi, Nick Kyrgios cala il bis e trova quanto meno posto sul tavolone degli ottavi di finale. Bourchier ko dopo un long set e un tie break.