L'ATP annuncia una nuova modifica per il calcolo del ranking 2021



by   |  LETTURE 4192

L'ATP annuncia una nuova modifica per il calcolo del ranking 2021

Il ranking ATP è stato uno degli aspetti che ha subito più cambiamenti negli ultimi mesi a causa della pandemia. Con l'obiettivo di non penalizzare i giocatori che hanno deciso di restare in casa per il rischio di trasferte internazionali, l'organo di governo del circuito maschile ha deciso di estendere i limiti della classifica, trasformandola in un sistema che contava gli ultimi 22 mesi e non i migliori risultati del torneo.

Pertanto, i giocatori di tennis non hanno difeso i loro migliori risultati della stagione precedente. Restare a casa non significava perdere punti, un sollievo per molti e una soluzione che limitava di sprofondare oltre la centesima posizione.

All'inizio di quest'anno, a causa dei dubbi e problemi per confermare il calendario definitivo del 2021, l'ATP ha esteso questo periodo, ai primi due mesi di quest'anno. Nessuno dei punti raccolti in tornei come l' Australian Open, Rotterdam o Dubai del 2020 andranno persi.

Ai tennisti che hanno giocato due volte lo stesso torneo negli ultimi 24 mesi, verrà computato sul calcolo dei punti quello in cui hanno ottenuto il miglior risultato.

La nuova decisione ATP

Ora, l'ATP ha preso una nuova decisione e ha modificato il sistema di classificazione.

In questo senso, quello che ha fatto è stato estendere i propri limiti: la classifica inizia a registrare i migliori risultati per 24 mesi precisamente fino al 15 marzo 2021. Di conseguenza non andranno persi neanche i punti raccolti durante Indian Wells 2019 , torneo in cui Dominic Thiem è si è proclamato campione dopo aver battuto Roger Federer in finale.

La cancellazione del torneo americano ha spinto l'ATP a prendere questa decisione, che fa si che la classifica si fermi ancora per altri 14 giorni a marzo. Ovviamente l'ATP ha anche confermato che anche nel 2021, per accedere alle Finali ATP di Torino, solo gli eventi giocati nel corso di quest'anno conteranno ai fini della classifica di un giocatore.

A partire dal 2021, i tennisti potranno tenere conto dei loro 19 migliori tornei. Questa sarebbe la ripartizione di un giocatore:

  • Risultati nei 4 tornei del Grande Slam
  • Risultati negli 8 Master obbligatori 1000
  • I migliori 7 risultati nel resto dei tornei (ATP Cup, ATP 500, ATP 250, Challenger, ITF).