Atp Antalya - Berrettini facile, che peccato Fognini. Super Mager a Delray Beach



by   |  LETTURE 3871

Atp Antalya - Berrettini facile, che peccato Fognini. Super Mager a Delray Beach

Dopo un giro sulle montagne russe, Jeremy Chardy abbatte la resistenza di Fabio Fognini. Il tennista francese si fa riacciuffare nel cuore del primo set e tenta di ricucire la fuga del numero due azzurro nel corso del secondo.

In entrambi i casi è comunque il tie break a rivelarsi il rifugio più sicuro e a regolare gli equilibri. Chardy (che vince il primo e che perde il secondo) scivola sullo 0-3 e addirittura sul 5-6 nel corso del terzo, ma trova il guizzo decisivo quando più conta.

Qualche recriminazione per il ligure, che a un passo dalla vittoria sporca il taccuino con un sanguinosissimo doppio fallo, probabilmente ancora a caccia di buone sensazioni dopo un venti-venti decisamente complicato. Anche in campo.

Chardy dilapida, sì, un vantaggio di 4-2 a disposizione, ma gestisce meglio la situazione con la battuta 7-6(4) 6-7(1) 7-6(5) alla soglia delle tre ore di gioco. A occupare lo stesso quarto c’è Jan Lennard Struff.

Tutto estremamente facile per il numero uno del seeding Matteo Berrettini – reduce dal successo ai danni del turco Kirkin – che anche al qualificato bulgaro Kuzmanov lascia le briciole. Il tennista azzurro vince più del 90% dei punti con la prima palla, sfrutta cinque delle otto chance di break che ha a disposizione e certifica il 6-3 6-2 alla soglia dei sessanta minuti di gioco con autorità.

Ad attenderlo ai quarti di finale ci sarà Aleksandr Bublik.

Mager ai quarti a Delray Beach

A Delray Beach, in Florida, Gianluca Mager mette la firma su una delle vittorie più importanti in carriera. Il sanremese rimonta un quasi disperato svantaggio di 2-5 a Sam Querrey (numero sei del seeding) nel corso primo set e trova il guizzo decisivo nel jeu decisif.

Lo statunitense – che gioca un quarto game orribile – in una delle più usuali “giornate-no” non trova armi sufficientemente valide da fondocampo per fare partita pari e quando il cronometro si ferma sui novanta minuti alza praticamente bandiera bianca.

Mager raggiunge ai quarti di finale (per la seconda volta nel circuito maggiore) Chris Harrison. Nel Wta di Abu Dhabi c’è da registrare la sconfitta di Garbine Muguruza ai piedi dei quarti di finale. Reduce dalla vittoria ai danni di Coco Gauff, Maria Sakkari cala il bis e con un laborioso 7-5 6-4 si guadagna quanto meno la sfida con la numero uno del seeding Sofia Kenin.

Costretta agli straordinari da Yulia Putintseva. Vincono anche Elena Rybakina, Aryna Sabalenka e Marta Kostyuk. Photo Credit: Getty Images