UFFICIALE - Zverev e David Ferrer, interrotta la collaborazione: ecco il motivo



by   |  LETTURE 1762

UFFICIALE - Zverev e David Ferrer, interrotta la collaborazione: ecco il motivo

Il numero 7 al mondo Alexander Zverev ed il suo coach ed tennista spagnolo David Ferrer non prolungheranno la loro collaborazione anche per la stagione appena iniziata del 2021. La motivazione principale risiederebbe nel fatto che lo spagnolo non si sente pronto per lasciare la sua famiglia e dedicarsi a tempo pieno a viaggiare ed allenare il tedesco in un periodo difficile come quello attuale e quindi preferisce concentrarsi a tempo pieno sulla sua famiglia e sul torneo Atp di Barcellona, torneo che lo vede direttore.

Alexander e David si sono allenati per due settimane a Montecarlo nello scorso mese di Luglio ed insieme hanno provato a fare questa nuova avventura con il veterano iberico che ha dato una mano sicuramente al giovane e talentuoso tedesco a raggiungere la sua prima finale Slam negli scorsi Us Open.

Un torneo dove Zverev è stato ad un passo dal trionfo, ha prima avuto un vantaggio di due set ed ha poi servito per il titolo, ma alla fine ha perso solo al termine di un durissimo tiebreak al quinto set contro il numero 3 al mondo Dominic Thiem.

I due iniziarono già al Roland Garros ad allenarsi insieme ma Zverev fu sconfitto agli Ottavi di finale con grande sorpresa dal giovane talento italiano Jannik Sinner che conquistò il successo in quattro set.

Successivamente Zverev ha vinto due titoli consecutivamente in casa a Colonia, festeggiando così i primi titoli dopo quasi un anno e mezzo di astinenza. In finale Zverev ha battuto nei due tornei tedeschi due avversari molto insidiosi come il giovane canadese Felix Auger-Aliassime ed il Top 10 Diego Schwartzman.

Alexander Zverev e la mancata collaborazione con Ferrer

David Ferrer ha così parlato di questo addio rilasciando le seguenti dichiarazioni: "Dovevo decidere entro la fine dell'anno, ho parlato con Alexander e gli ho detto che preferivo non continuare più ad allenarmi con lui nel 2021.

Non c'è un motivo particolare per questo, ma ho solo pensato che non fosse il momento giusto. Sono grato ad Alexander per l'opportunità che mi ha dato nelle fasi finali della scorsa stagione. Durante questi tre mesi abbiamo avuto buoni risultati e non è stato facile lavorare per me a causa del Covid e del fatto che sono il direttore del Barcellona Open.

Devo pensare alla mia famiglia che metto al di sopra di ogni cosa. Ora non è l'ideale, ma in futuro darò nuovamente il coach, ne sono certo"