Atp Finals - Nadal ritorna in semifinale dopo cinque anni. Battuto Tsitsipas



by   |  LETTURE 3953

Atp Finals - Nadal ritorna in semifinale dopo cinque anni. Battuto Tsitsipas

Con una mezzoretta di ritardo sulla tabella di marcia, Rafa Nadal riesce a staccare un pass per le Final Four nel torneo dei maestri. Nello spareggione con Stefanos Tsitsipas - che era riuscito ad aggrapparsi alla qualificazione grazie al successo in extremix ai danni di Andrey Rublev - il campionissimo spagnolo rimedia a un passaggio a vuoto nel decimo game del secondo set e ristabilisce le gerarchie nei pressi del traguardo con una solita reazione da gigante.

Il 6-4 4-6 6-2 che matura dopo poco più di due ore risulta in qualche maniera emblematico. Nadal supera il taglio dei gironi alle Finals per la sesta volta in carriera (ma per la prima volta dal 2015) e si accomoda soprattutto nello spicchietto di Daniil Medvedev.

Capo del gruppone di Novak Djokovic, che avrà invece bisogno di battere Alexander Zverev per raggiungere Dominic Thiem.

Nadal "giganteggia" per un set e mezzo... Ma ha bisogno del terzo

In occasione della terza sfilata sul blu della O2 Arena, Nadal occupa la scena in maniera prepotente.

Gestisce i turni di battuta in maniera perfetta (grazie anche al 90% dei punti con la prima palla) ma soprattutto stravince il braccio di ferro da fondocampo. Il maiorchino si affaccia sul 15-40 nel corso del settimo game, ma ha comunque bisogno di un turno-extra di risposta per assestare la spallata decisiva.

Dopo un errore piuttosto grossolano con il rovescio sul 30-40, in un game che condisce con un doppio fallo, il greco contribuisce alla causa con un doppio fallo. Chiamato a servire invece per mandare in archivio la prima frazione, Nadal si ritrova sul 30-30.

E nel momento di massima difficoltà si cava fuori dai guai con due ace. Un classico, verrebbe da dire. Tsitsipas tenta di apportare qualche piccola miglioria al progetto tattico. O quanto meno di non dare gli stessi punti di riferimento con la battuta a disposizione.

Il greco cancella una palla break nel game inaugurale con una splendida soluzione di rovescio, si salva sul 30-30 quando il tabellone luminoso dice "3-3" e con la logica che sembra spingere per il tie break piazza la spallata decisiva.

Nadal accatasta la stragrande maggioranza degli errori non forzati nel decimo game. Scivola sul 15-40, ma sporca soprattutto il taccuino con un sanguinosissimo doppio fallo sul 30-40. Assorbito uno scambio di break, che lascia comunque trasparire qualche piccola falla nel progetto tattico, Nadal schiaccia sul tasto "reset" e ricostruisce il vantaggio sufficiente per la fuga.

Non senza recuperare comunque dallo 0-30 sul 2-1. Il resto è come nella logica delle cose un contorno del tutto necessario: Tsitsipas stacca completamente la spinta, complice la fatica fisica e mentale, ma soprattutto muove il punteggio solamente in un'altra occasione.

Rublev non chiude "a zero"

Archiviata la pratica-qualificazione con un turno di anticipo, Dominic Thiem si concede un giorno di pausa ai piedi delle semifinali. Ne beneficia Andrey Rublev, che con un 6-2 7-5 che costruisce in poco più di settanta minuti (e che macchia solo dilapidando un break di vantaggio nel cuore del secondo set) smuove lo zero dalla casella delle vittorie alle Finals.

Thiem rimanda l'appuntamento con la trecentesima vittoria in carriera nel circuito maggiore. Ad attenderlo sabato ci sarà uno tra Alexander Zverev e Novak Djokovic.