Caso Zverev: l'ATP ed il suo sponsor tecnico si esprimono sulla vicenda



by   |  LETTURE 5896

Caso Zverev: l'ATP ed il suo sponsor tecnico si esprimono sulla vicenda

Si è parlato molto di Alexander Zverev nelle ultime settimane. Sfortunatamente per il tennista tedesco, non solo degli ottimi risultati raggiunti a Colonia e Parigi-Bercy. La sua ex fidanzata Olya Sharypova lo ha infatti accusato di aver abusato fisicamente e psicologicamente di lei attraverso alcune interviste e vari post pubblicati sui social network.

Zverev, da parte sua, ha sempre negato e contraddetto le dichiarazioni di Sharypova. “Queste accuse sono totalmente infondate, non sono vere. Io e Olya abbiamo avuto i nostri alti e bassi, ma il modo in cui la nostra relazione è stata descritta pubblicamente non corrisponde al vero.

Io non sono così, non è così che i miei genitori mi hanno cresciuto e non sono quella persona che viene descritta. i rende triste sapere che riescono ad avere un impatto così forte sul mondo dello sport, su quello esterno e persino su di me.

Mi dispiace che il tennis abbia smesso di essere il focus, perché siamo qui per giocare” , ha ribadito Zverev prima del suo esordio alle Finals.

L'ATP e l'Adidas si esprimono sul caso Zverev

Se fino a qualche giorno fa i suoi sponsor e l’ATP avevano deciso di mantenere un profilo basso sulla vicenda, ora hanno deciso di uscire allo scoperto e di prendere posizione.

“Siamo informati sulla situazione. Prendiamo questa vicenda molto seriamente. Sarebbe inappropriato rilasciare dichiarazioni ora. Ma la nostra è una politica di tolleranza zero nei confronti di qualsiasi tipo di violenza e ci aspettiamo lo stesso dai nostri partner” , ha comunicato l’impresa multinazionale Adidas.

Sulla stessa riga si è espressa anche la dirigenza dell’ATP. "L’ATP condanna ogni forma di violenza o abuso. Ci aspettiamo che lo facciano anche tutti i nostri affiliati e che si astengano dal mettere in pratica abusi e comportamenti violenti che mettono a repentaglio l’incolumità di altre persone.

Nel caso in cui le accuse vengano formalizzate, si svolgano accertamenti e ci sia un giusto processo, faremo le nostre valutazioni e prenderemo decisioni in merito. Altrimenti, ci riserviamo di non commentare le accuse” .

E' chiaro che l'Association of Tennis Professionals non può prendere provvedimenti contro un suo giocatore in mancanza di un procedimento giudiziario.