Atp San Pietroburgo - Rublev fa quattro come Djokovic. Zverev "padrone" a Colonia



by   |  LETTURE 2589

Atp San Pietroburgo - Rublev fa quattro come Djokovic. Zverev "padrone" a Colonia

Dopo diciassette mesi di digiuno, Alexander Zverev ritorna al successo nel circuito maggiore tra le mura di casa. Nella tappa numero uno del Cologne Open - dove si è ovviamente presentato con la targhetta del numero uno - il ventitreenne tedesco supera con un solidissimo 6-3 6-3 Felix Auger Aliassime.

Continua la "maledizione" del talentino canadese, alla sesta sconfitta consecutiva in finale, la terza in questa stagione. Auger Aliassime, che ricopre il ruolo della preda in ogni situazione e che fa praticamente in tempo solamente a rendere accettabilel il passivo nella frazione inaugurale, non trova armi sufficientemente valide.

Né con la battuta a disposizione - il colpo che di fatto regola gli equilibri della sfida - né tanto meno con il dritto negli scambi prolungati. Zverev - che parallelamente gestisce in maniera stroardinariamente la faccenda e che con la prima palla vince una quantità incredibile di punti - ferma il cronometro dopo circa ottanta minuti di gioco, aggiunge la dodicesima perla alla collana dei titoli in carriera e rafforza ovviamente la settima posizione nel ranking.

Sono circa mille i punti che lo distanziano da Daniil Medvedev, più di mille quelli di vantaggio su Andrey Rublev.

Rublev raggiunge "quota quattro" come Djokovic: Coric perde ancora

Borna Coric non riesce a modificare l'epilogo a distanza di un anno dalla sconfitta con Daniil Medvedev.

Ad agganciare il successo a San Pietroburgo - nella categoria dei "500" in maniera del tutto inedita - è proprio il padrone di casa Andrey Rublev. Già campione a Doha, Adelaide e Amburgo, il talentino russo porta a trenquattro il numero di successi in stagione e tocca soprattutto quota quattro titoli come Novak Djokovic.

Con una prestazione incredibilmente solida - e un mega-parziale di 5-0 dal 2-5 nel cuore del tie break - il russo si spinge sul 7-6(5) 6-4 alla soglia delle due ore di gioco. E si allontana soprattutto in ottica Finals da Diego Schwartzman, che dista adesso nella Race quasi trecento punti.

Anche vincendo la tappa numero due del "Cologne Open" il tennista argentino rimarrebbe distante circa una settantina di punti. Photo Credit: Getty Images