Shapovalov doma Wawrinka a San Pietroburgo, bene Raonic. Zverev avanza a Colonia



by   |  LETTURE 2638

Shapovalov doma Wawrinka a San Pietroburgo, bene Raonic. Zverev avanza a Colonia

Dopo la dura partita giocata contro Ugo Humbert, Andrey Rublev non ha tentennato ai quarti di finale del torneo ATP 500 di San Pietroburgo. Il tennista russo ha disputato un match perfetto e concesso solo tre game a Cameron Norrie.

Rublev è stato molto efficace sia in battuta, dove ha conquistato il 78% dei punti giocati con la prima di servizio, che in risposta, basti pensare che ha strappato ben cinque volte il servizio al suo avversario. Il padrone di casa troverà in semifinale Denis Shapovalov.

Il canadese ha domato Stan Wawrinka e chiuso con il punteggio finale di 6-4, 7-5. Le incertezze iniziali non hanno minato la solidità trovata da Shapovalov sotto la guida di Mikhail Youzhny e non hanno fermato la sua corsa in Russia.

Nella parte alta del tabellone, un Borna Coric in grande spolvero ha fulminato Reilly Opelka. Il primo set è stato molto combattuto ed incerto: solo il tie-break ha spostato gli equilibri e consegnato il parziale al giocatore croato.

Nel secondo set, il break ottenuto nelle fasi iniziali da Coric ha fatto la differenza e decretato il terzo vincitore di giornata. Resta impressionante la freddezza dimostrata dal numero 27 del mondo in risposta: sono infatti state due le palle break capitalizzate da Coric su due occasioni totali avute a disposizione.

L’ultimo posto in semifinale è poi stato raggiunto da un impeccabile Milos Raonic, che ha preso il largo nel corso del primo set e confermato il suo ottimo stato di forma al tie-break del secondo. Male quindi Karen Khachanov, che lascia il torneo di casa con qualche rimpianto.

Zverev avanza a Colonia, bene anche Auger-Aliassime

A Colonia, Alexander Zverev ha fatto il brutto e il cattivo tempo contro Lloyd Harris, come accade spesso durante le sue partite. Il tedesco ha vinto il primo set senza concedere occasioni al suo avversario, poi perso il secondo sprecando il break di vantaggio e perdendo il servizio due volte.

Nel terzo set, Zverev ha alzato il livello, il numero di prime palle messe in campo e la concentrazione, a tal punto da chiudere la contesa con un sonoro 6-0. Il numero 7 del mondo se la vedrà con Alejandro Davidovich Fokina, che ha sconfitto in tre set Dennis Novak.

Partita senza storia per Felix Auger-Aliassime. Il canadese ha imposto il suo ritmo dal primo all’ultimo scambio ed ha liquidato Radu Albot con un netto 6-3, 6-0. Roberto Bautista Agut ha invece avuto bisogno di tre set, l'ultimo gestito in totale scioltezza, per avere la meglio su un ottimo Hubert Hurkacz.