New York, le foto degli ultimi arrivi e di chi ha già iniziato ad allenarsi



by   |  LETTURE 1254

New York, le foto degli ultimi arrivi e di chi ha già iniziato ad allenarsi

Il circuiti maschile è fermo esattamente da 175 giorni a causa dell'emergenza sanitaria provocata dalla pandemia di COVID-19.Ma il momento del ritorno alle competizioni ufficiale è ormai vicinissimo. l tabellone principale dell'ATP Tour riprenderà sabato con il Western & Southern Open, e gli US Open seguiranno subito dopo.

Entrambi gli eventi si terranno presso l'USTA Billie Jean King National Tennis Center di New York City. Le qualificazioni dell’ATP Masters 1000 di Cincinnati, si terranno a partire da giovedì, e il tabellone principale, guidato dal numero uno del mondo e dal vincitore dell’edizione 2018 Novak Djokovic, prenderà il via il 22 agosto.

Parteciperanno Dominic Thiem, il campione in carica Daniil Medvedev e Stefanos Tsitsipas. Dei primi venti tennisti del ranking mondiale, a prendere parte a questo torneo saranno in quindici. Fra gli ex vincitori del torneo che scenderanno in campo in questa edizione anche Marin Cilic, vincitore nel 2016 e Grigor Dimitrov che ha alzato il trofeo nel 2017.

Quando il Masters 1000 prenderà il via, saranno passati esattamente cinque mesi e 22 giorni da quando l'ultima pallina è stata colpita: era il primo giorno di marzo e si stava giocando l’ATP 250 del Cile, a Santiago.

Proprio in queste ore quasi tutti i tennisti che hanno dato l’ok alla loro partecipazione ai tornei americani, stanno atterrando a New York. Alcuni di loro hanno postato sui social le foto del loro arrivo o del loro primo allenamento sui campi di cemento del Billie Jean King National Tennis Center.

I primi arrivi a New York dei tennisti per il Masters 1000 di Cincinnati

Mentre il russo Karen Khachanov posta una foto durante il volo verso New York, il suo connazionale Medvedev e il croato Coric sono in aeroporto pronti a partire.

Il sudafricano Kevin Anderson invece condivide un video in cui si allena dopo sei mesi sul campo dell’Arthur Ashe. Leonardo Mayer infine, dalla stanza del suo albergo attende l’esito del tampone a cui ogni tennista deve sottoporsi prima di poter entrare nella “bolla” che gli organizzatori hanno preparato per garantire il massimo livello di sicurezza a tutti i partecipanti del torneo.