Gaudenzi: "L'Italia ha dato un grande contributo per la ripartenza, attendiamo Roma"



by   |  LETTURE 1380

Gaudenzi: "L'Italia ha dato un grande contributo per la ripartenza, attendiamo Roma"

La ripartenza del tennis passa dall'Italia e specificamente riparte dal torneo WTA di Palermo. Dopo tanti mesi di astinenza gli appassionati di tennis potranno vedere nel Belpaese il torneo ufficiale di Palermo e in attesa della ripartenza del circuito maschile si comincia finalmente a fare sul serio.

Un motivo di orgoglio per l'Italia con il presidente dell'Atp Andrea Gaudenzi che ha ringraziato l'Italia ed ha rilasciato un'intervista ai colleghi di Supertennis. Il mondo del tennis ha affrontato nel 2020 diverse problematiche, è fermo da diversi mesi a causa della Pandemia globale che ci ha colpito e ancora oggi ha diversi fattori in dubbio.

Recentemente è stato cancellato Washington e diversi atleti hanno dubbi sulla possibilità di disputare i tornei in America. Questa settimana riprende il circuito femminile mentre il circuito maschile dovrebbe riprendere direttamente con il Masters 1000 di Cincinnati e successivamente con l'Us Open.

Le dichiarazioni di Gaudenzi sulla ripartenza

Ecco le parole dell'ex tennista ed ora presidente Atp: "In questi giorni discuteremo con gli organizzatori di Madrid e il board dell'ATP. Non tocca a noi ma possiamo solo seguire le indicazioni dei governi per provare a programmare i tornei nella maniera più efficiente possibile.

E ricevere l'esenzione per i giocatori perché possano tornare dagli USA per la stagione europea. Per ora il calendario resta quello che abbiamo annunciato. Stiamo lavorando per la stagione indoor in Europa per arrivare alle Finals a Londra"

Sul protocollo ha dichiarato: "L'idea è di mettere tutti i giocatori in una bolla, garantire distanziamento sociale, fare test frequenti e accurati. Abbiamo parlato anche con altre organizzazioni, anche con l'NBA.

I problemi sono i viaggi e i giocatori che torneranno dopo la tournée americana in Europa" Sull'Italia e sugli Internazionali di Roma: "Siamo molto grati a tutti, fare un torneo quest'anno in Italia è complesso dal punto organizzativo e finanziario.

Ringraziamo la Federazione e chi organizza i Challenger, l'Italia sta dando un grande contributo. Penso che i giocatori aspettano gli Internazionali BNL d'Italia. Il Foro Italico è tra i posti più belli del mondo, poi Roma a settembre è splendida"