Adria Tour, Thiem vince la prima tappa. Berrettini ok nell'Ultimate Tennis Showdown



by   |  LETTURE 1472

Adria Tour, Thiem vince la prima tappa. Berrettini ok nell'Ultimate Tennis Showdown

A Belgrado sono stati due giorni di quasi-normalità. Il Novak Tennis Center del padrone di casa si è riempito per la prima tappa dell'Adria Tour e implicitamente ha consegnato un messaggio piuttosto chiaro agli organizzatori dello Us Open.

Dopo essersi sbarazzato di Grigor Dimitrov con un doppio (mini)tiebreak, Dominic Thiem ha completato l'opera in finale con Filip Krajinovic. Il 4-3 2-4 4-2 testimonia le difficoltà del talento austriaco, vero, ma il bottino quasi perfetto on serve nell'ultimo parziale racconta comunque accuratamente la superiorità.

Nonostante la vittoria ai danni di Alexander Zverev (peraltro la seconda nei gironi) Djokovic manca l'appuntamento con la finale nella sua Belgrado. Fatale proprio il passo falso del giorno precedente contro il connazionale.

"Nole" è comunque scoppiato in lacrime nel cuore dell'intervista post-partita. E comprendere il perché non dovrebbe essere nemmeno troppo complicato. Insomma: la prima tappa dell'Adria Tour è andata in archivio senza particolari problemi.

Prossimo appuntamento a Zara (in Croazia) dal 20 al 21 giugno. C'è anche da dire che le intenzioni del numero uno del mondo (costretto a cancellare la sosta in Montenegro a causa delle restrizioni del Governo) non sono cambiate.

Anzi. Quale potrebbe essere la soluzione alternativa, beh, lo sapremo solo martedì.

Ultimate Tennis Showdown, buona la prima?

Un tennis a tempo, sì. Con time-out, carte abilità, algoritmi, soprannomi. Abbiamo "The Hammer" Berrettini e "The Greak God" Tsitsipas.

Nomignolo quasi completamente preso in prestito da Giannis Antetokounmpo oltreoceano. Con quattro-quarti da dieci minuti e un sudden-death in caso di parità, parliamo comunque di una cosa molto lontana dal tennis. Quella finale è peraltro una formula ancora più brutale dei calci di rigore: in sostanza chi vince due punti consecutivi, vince.

Cosa capitata a Richard Gasquet contro David Goffin, per fare un esempio. La competizione ideata e voluta da Mr. Mouratoglu "in Academy" ha aperto comunque i battenti. Ci aspettavamo di peggio, inutile nasconderlo, ma ci auguriamo comunque che il format permanga solo per questi mesi che ci dividono dal riavvio della stagione.

Niente di più. Ben vengano le novità, ma il tennis è un'altra cosa. Dicevamo, "The Hammer" Berrettini ha sfidato nel day-1 "The Artist" Dustin Brown. Al rientro in campo dopo più di tre mesi, l'azzurro ha dominato il primo e il terzo quarto, ha lasciato per strada il secondo ed è riuscito a evitare il sudden-death con un buon parzialotto nel finale.

14-10 12-13 22-5 13-12 il risultato finale. In serata c'è stato anche spazio per l'esordio di Stefanos Tsitsipas (uno dei personaggi più discussi nella prima fase del coronavirus) che nonostante un comprensibile passaggio a vuoto nel corso del terzo-quarto si è assicurato per 22-4 22-6 e 15-9 i suoi tre set. Oggi di nuovo tutti in campo per recuperare la giornata di sabato. Photo Credit: Getty Images