Atp Dubai - Djokovic porta a scuola anche Khachanov. Tsitsipas rimane in scia



by   |  LETTURE 3209

Atp Dubai - Djokovic porta a scuola anche Khachanov. Tsitsipas rimane in scia

I piani di Novak Djokovic a Dubai sembrano chiari. Vincere non sembra nemmeno più la priorità. Il serbo si accomoda sul tavolone dei semifinalisti nel primo torneo Post-Slam e lo fa con un surreale parzialotto di 36-11 sulle spalle.

Anche quello con Karen Khachanov si rivela un buon allenamento agonistico. "Nole" non domina solo il confronto tecnico-tattico da fondocampo (routine verrebbe da dire) ma aggiunge ai più usuali meccanismi di gioco delle importanti novità.

Presenzia con una certa costanza nei pressi della rete, utilizza in maniera praticamente perfetta la palla corta. Il mega-parziale di 16-3 che confeziona a cavallo tra il secondo e il sesto gioco dice tutto. Il tema della sfida non cambia ovviamente nella seconda frazione.

Anzi. Khachanov fa da spettatore non pagante nell'incredibile one-man-show del serbo, che aggancia il break decisivo nel terzo gioco e che bissa l'operazione proprio sul tramonto di quello che si trasforma in un secco 6-2 6-2.

Nello stesso spicchio di tabellone ci sono Gael Monfils e Richard Gasquet. Con il successo numero sedici in stagione, Djokovic blinda ovviamente anche la prima posizione nel ranking. Continuerà a guardare tutti dall'alto verso il basso almeno per le prossime due settimane (a prescindere dal risultato di Rafa Nadal ad Acapulco, si intende) ma potrebbe ritrovarsi in testa anche tra due mesi, visto che da qui a Madrid ha da difendere la miseria di 315 punti.

In quel caso supererebbe il record di Pete Sampras, tanto per essere chiari. Nel day-4 a Dubai c'è da registrare almeno una sorpresa. Dan Evans evita il terzo set con Andrey Rublev e aggiunge una pagina al manuale della sopravvivenza dopo le faticosissime vittorie ai danni di Fabio Fognini e Pierre Hugues Herbert.

Il britannico domina la frazione inaugurale e recupera un break di svantaggio nella seconda. Tentenna nei pressi del traguardo, ma annulla una manciata di set point nel jeu decisif e alla soglia delle due ore di gioco completa l'opera con un laborioso 11-9.

La vittoria a Rotterdam ha restituito delle certezze a Stefanos Tsitsipas e la sfida a distanza con il numero uno del mondo sembra uno dei motivi di maggiore interesse nella settimana. Il talento greco annota sul taccuino delle vittime anche Jan-Lennard Struff.

Quello che aveva impiegato appena trentanove minuti per abbattere la resistenza di Nikoloz Basilashvili. Vince semplicisticamente i punti più importanti, manco a dirlo annulla le quattro palle break che mette a disposizione dell'avversario in avvio di terzo set.

Alla soglia delle due ore e trenta di gioco il 4-6 6-4 6-4 è il risultato quasi automatico. Per "Tsitsi" sarà la diciannovesima semifinale nel circuito maggiore, la seconda a Dubai. CLICCA QUI PER CONSULTARE TUTTI I RISULTATI DI GIORNATA E IL PROGRAMMA DI DOMANI Photo Credit: Getty Images