Atp Dubai - Fognini sprecone, al secondo turno ci va Evans


by   |  LETTURE 1403
Atp Dubai - Fognini sprecone, al secondo turno ci va Evans

In un Gioco fatto sostanzialmente di sensazioni, l'abitudine ha un ruolo essenziale. Reduce dalla cattiva prestazione a Rotterdam, condizionata soprattutto da un problema di natura fisica, Fabio Fognini non riesce a superare l'ostacolo Dan Evans all'esordio nel "500" di Dubai.

L'azzurro non gioca una cattiva partita, sia chiaro, ma non si dimostra di certo un campione di continuità nelle due ore e quaranta di corsa. Basti pensare che con on un vantaggio piuttosto rassicurante da custodire nel secondo set subisce un parziale di 5-1.

E che nel terzo (prima di cedere al sesto match point) non approfitta di un break di vantaggio in due occasioni. Finisce 3-6 6-4 7-5. Fognini in realtà ottiene le risposte di cui ha bisogno solo nel corso della frazione inaugurale.

"Sono qui senza grosse aspettative" aveva confessato. Rapido negli spostamenti laterali, lucido nelle scelte da fondocampo, estremamente solido con la battuta a disposizione. L'azzurro si presenta all'appuntamento con un mega-parziale di 4-0 e anche se manca una palla per il vantaggio definitivo, complice un errore piuttosto banale in fase di impostazione, mantiene i nervi saldi e approfitta di un piano-tattico tanto semplice quanto efficacie per mettere la testa avanti senza apportare delle particolari modifiche al copione.

La forbice tra i due sembra allargarsi in maniera definitiva con il secondo set. L'azzurro accarezza il break in avvio e lo aggancia alla seconda opportunità utile. Con un vantaggio di 3-1 da custodire, in una situazione di quasi assoluta tranquillità, perde sostanzialmente tutte le certezze da fondocampo.

E chiamato a servire per rimanere nel set sul 4-5 sporca il taccuino con quattro errori non forzati in fila. Le colpe di Fognini e i meriti di Evans trovano un comodo rifugio sullo stesso piano. La continuità non è di certo l'elemento che dà maggiore conforto all'azzurro, parente lontano di quello iniziale, che nel corso del terzo non sfrutta un break di vantaggio in due occasioni e nemmeno altre due chance per la fuga nel nono gioco.

Evans si ritrova sul 6-5 e quasi deresponsabilizzato dalla situazione si affida a un piano-tattico ultra offensivo. Fognini contribuisce alla causa del britannico con un sanguinosissimo doppio fallo sul 15-30 e anche se ricompatta il punteggio fino al 40-40 con l'ausilio del servizio, ne concede un terzo.

Sono complessivamente cinque i match point che il numero quattro del gruppone a "Dubai" cancella prima di alzare bandiera bianca. Da registrare nel day-2 a Dubai anche il folle successo di Benoit Paire ai danni di Marin Cilic.

In una partita assolutamente indecifrabile (equalitativamente insufficiente) il talento francese sigilla il successo sul 2-6 7-5 7-6(1). CLICCA QUI PER CONSULTARE TUTTI I RISULTATI DI GIORNATA E IL PROGRAMMA DI DOMANI Photo Credit: Getty Images