Lorenzo Musetti si qualifica a Dubai e affronterà Rublev al primo turno


by   |  LETTURE 2735
Lorenzo Musetti si qualifica a Dubai e affronterà Rublev al primo turno

Qualcosa nel tennis italiano sta cambiando, sta crescendo e sta infettando, giusto per restare in tema con l’attualità, i tornei più importanti del circuito. Nella settimana in cui Sinner nel torneo di Marsiglia rifila un 6-1 al numero cinque del mondo Daniil Medvedev, Gianluca Mager (n.128 ATP) batte ai quarti di finale dell’Atp 500 di Rio in due set Dominic Thiem, Lorenzo Musetti classe 2002 e n.

312 ATP supera le qualificazioni per l’ATP 500 di Dubai e affronterà Andrey Rublev nel suo primo match del circuito maggiore. L’ex numero 1 della classifica juniores ha sfruttato nel migliore dei modi la wild card concessa per le qualificazioni battendo Popyrin prima e Donskoy dopo senza perdere un set.

Nel match decisivo contro il russo Musetti ha servito benissimo concedendo solo due palle break, ottenendo il 77% di punti vinti con la prima e il 65% con la seconda, dominando il tie-break del secondo set grazie al quale ha vinto la partita.

Il tennista italiano, che compirà 18 anni il prossimo 3 marzo, lo scorso gennaio era andato vicinissimo alla qualificazione per il main draw dell’Australian Open, perdendo all’ultimo turno da Griekspoor.

Torneo che aveva vinto da juniores nel 2019 ottenendo il record di tennista italiano più giovane a vincere un torneo dello Slam nella categoria under-18. Musetti, scoperto da Simone Tartarini, è cresciuto nell'ambito dei programmi federali, frequenta il liceo linguistico e si allena al Centro Tecnico di Tirrenia.

Destrimano, gioca il rovescio a una mano. La partita che lo aspetta domani, sembra essere proibitiva, ma sarà fondamentale per acquisire esperienza e provare quelle sensazioni che solo i grandi tornei e le sfide con i più forti avversari possono darti.

Facciamo tutti gli scongiuri del caso, ma con Jannik Sinner classe 2001 e Lorenzo Musetti un anno più piccolo, sfregarsi le mani e pensare positivo è il minimo che un appassionato di tennis italiano possa fare.