Atp Parigi Bercy - Torna il vero Djokovic, Tsitsipas ko in meno di un'ora


by   |  LETTURE 2250
Atp Parigi Bercy - Torna il vero Djokovic, Tsitsipas ko in meno di un'ora

Da Parigi, il nostro inviato - Una prova di forma magistrale proietta Novak Djokovic in semifinale al Rolex Paris Masters, dove spera di cogliere il quinto sigillo prima di volare al Master di Londra. Il fuoriclasse serbo, che non aveva per nulla convinto contro Moutet e Edmund, si è preso la rivincita su Stefanos Tsitsipas con un nettissimo 6-1 6-2 in 58 minuti di assolo.

Il 21enne di Atene lo aveva infatti battuto nei quarti a Shanghai meno di un mese fa, una sconfitta che era costata al belgradese la leadership del ranking mondiale a vantaggio di Rafael Nadal (il cambio al vertice avrà luogo il 4 novembre).

Sin dai primissimi scampi è apparso evidente che la versione odierna di Nole fosse ben diversa da quella ammirata nei primi due round. Il numero 1 del mondo ha iniziato la partita con le marce altissime, servendo benissimo e rispondendo come solo lui è in grado di fare, mentre Tsitsi ha faticato tantissimo a contenere lo sprint del rivale incassando il break già nel secondo game.

La frazione si è presto tramutata in un autentico calvario per il giovane ellenico, incapace di trovare la giusta misura con il diritto e investito dall’ennesima tremenda accelerazione del fenomeno belgradese.

Senza nemmeno dare l’impressione di sudare troppo, ‘Djoker’ si è involato sul 5-0 nonostante il pubblico della AccorHotels Arena abbia provato in tutti i modi a risollevare il povero Stefanos. Il fantastico colpo d’occhio sul Centrale di Bercy non ha potuto assistere ad una reale contesa, visto che il greco è riuscito a stento a sventare il bagel cedendo 6-1 in meno di mezz’ora.

L’auspicio che il settimo favorito del seeding avesse almeno un moto d’orgoglio nel secondo set è naufragato in fretta, complice anche la solidità di un Djokovic nuovamente in versione robot. Il quattro volte campione di questo torneo ha piazzato il break nel terzo game, infilando poi una striscia devastante di otto punti a zero che ha tagliato definitivamente le gambe a Tsitsipas.

Il talento ellenico è sembrato ormai rassegnato al suo destino e nemmeno gli incitamenti di papà Apostolos gli sono serviti per evitare una ‘stesa’ che potrebbe avere ripercussioni anche in ottica Finals.

Nella sua sesta semifinale qui a Parigi, Novak se la vedrà con un ottimo Grigor Dimitrov, che ha ritrovato un minimo di continuità dopo una stagione ricca di alti e bassi. Il giocatore bulgaro ha posto fine alla splendida settimana di Cristian Garin imponendosi 6-2 7-5 proprio allo scoccare dell’ora e mezza.

‘Grisha’ ha accusato un leggero passaggio a vuoto soltanto nel secondo set, quando è andato indietro di un break, ma un filotto di tre game consecutivi gli ha permesso di accedere tra i migliori quattro in un 1000 a distanza di oltre un anno dall’ultima volta (Montecarlo 2018).

Nole conduce 8-1 nel bilancio degli head-to-head, oltre ad essersi aggiudicato gli ultimi cinque scontri diretti. L’unica affermazione di Dimitrov risale addirittura a Madrid nel 2013.