Atp Parigi Bercy - Djokovic quanto basta, sarà rivincita con Tsitsipas


by   |  LETTURE 4696
Atp Parigi Bercy - Djokovic quanto basta, sarà rivincita con Tsitsipas

Da Parigi, il nostro inviato - Questa mattina Novak Djokovic si è sottoposto ad un lungo trattamento alla spalla sinistra, la stessa che lo aveva costretto al ritiro agli scorsi US Open. Il suo preparatore atletico Marco Panichi ha chiesto gentilmente alla stampa di allontanarsi quando il numero 1 del mondo ha effettuato il suo consueto riscaldamento con lo sparring partner Guillaume Rufin, un segnale che ha alimentato ulteriori dubbi circa lo stato di forma del 16 volte campione Slam.

Dopo l’orrenda performance di ieri contro il Next Gen di casa Corentin Mouter – caratterizzata da 31 errori gratuiti (di cui 21 solo di diritto) – il quattro volte vincitore del Rolex Paris Masters ha sbrigato la pratica Kyle Edmund con il punteggio di 7-6(7) 6-1 in un’ora e 22 minuti di gioco.

Il fenomeno serbo è apparso ancora lontano dal top della condizione, soprattutto nella frazione inaugurale, in cui ha faticato parecchio nel momento di spingere dalla riga di fondo. La scarsa incisività di Nole con i colpi di rimbalzo ha dunque permesso al britannico di rimanere in partita, annullando coraggiosamente un paio di set point nel dodicesimo game.

Il numero 1 del seeding si è fatto rimontare da 6-3 nel tiebreak, ma ha innalzato il proprio livello quel tanto che bastava per portare a casa un set con molte più ombre che luci. La resistenza del 24enne di Johannesburg si è repentinamente affievolita, tanto da spianare la strada al belgradese verso il 50° successo nel 2019.

Djokovic raggiunge questo traguardo per la 12ma volta nella sua carriera eguagliando Ivan Lendl, mentre sono più staccati Jimmy Connors (14) e Roger Federer (a quota 16). Per Edmund termina invece un’annata a dir poco deludente, contrassegnata da sole 14 vittorie a fronte di ben 22 sconfitte (una sola semifinale raggiunta a Eastbourne).

Novak, che ieri aveva lasciato intendere di soffrire anche a causa di un virus influenzale, avrà ora la possibilità di prendersi la rivincita su Stefanos Tsitsipas, uscito vittorioso nel loro ultimo precedente ai quarti del Masters 1000 di Shanghai (quella sconfitta aveva condannato ‘Djoker’ a perdere la vetta del ranking mondiale).

Impegnato sul Campo 1, il greco non ha lasciato scampo ad Alex de Minaur imponendosi 6-3 6-4 in un’ora e dieci minuti di assolo. Nell’altro quarto di finale della parte alta del tabellone, Grigor Dimitrov se la vedrà con la sorpresa Cristian Garin.

Il tennista bulgaro ha liquidato uno stanco Dominic Thiem grazie allo score di 6-3 6-2, mentre il cileno ha regalato un dispiacere al pubblico della AccorHotels Arena battendo Jeremy Chardy dopo aver cancellato tre match point nel tiebreak decisivo.

Clicca qui per visualizzare tutti i risultati di giovedì 31 ottobre