Gael Monfils insultato dopo la sconfitta con Sinner: “Che bel supporto…”


by   |  LETTURE 10570
Gael Monfils insultato dopo la sconfitta con Sinner: “Che bel supporto…”

Due giorni fa il diciottenne italiano Jannik Sinner, numero 119 ATP, ha sconfitto in una grandissima partita degli ottavi di finale del torneo di Anversa il francese Gael Monfils, ex top 10 del tennis mondiale. 6-3 6-2 il risultato finale in un’ora scarsa di gioco, con l’italiano che non ha lasciato praticamente scampo al giocatore transalpino.

Fin qui tutto bene: Sinner è stato giustamente celebrato da tutti i principali siti di informazione sportiva del web e non solo. Tuttavia, dopo la sua sconfitta, Monfils è stato invece vittima di una vera e propria pioggia di insulti e di offese razziste sui principali account social, in particolare su Instagram.

Ad offenderlo tifosi francesi incapaci di concepire una sconfitta con un giocatore di soli 18 anni, ma non sono mancati nemmeno gli inglesi e, purtroppo, anche gli italiani. Tra gli insulti spuntano coloro che hanno definito il francese un “fallito” o addirittura “il peggiore della storia”, come se una singola sconfitta potesse pregiudicare un’intera carriera da top player, o ancora chi lo ha definito un “negro”, mostrando il più vergognoso e volgare razzismo, di cui Monfils è stato tra l’altro purtroppo già vittima in passato.

Ma c’è dell’altro: non contenti di ricoprire di insulti solo La Monf, come il giocatore parigino si fa chiamare, gli haters hanno deciso di colpire anche la sua fidanzata, la tennista ucraina Elina Svitolina.

Monfils, dal canto suo, ha deciso di rispondere a tutto questo con ironia, senza dare troppo peso a quelle parole vergognose: “E’ sempre bello ricevere tanto supporto quando hai una brutta giornata al lavoro”, ha scritto in una stories su Instagram.