Atp Montreal - Auger Aliassime avanti a fatica, fuori Cecchinato e Kyrgios


by   |  LETTURE 3134
Atp Montreal - Auger Aliassime avanti a fatica, fuori Cecchinato e Kyrgios

In un gioco che prevede la sconfitta anche se si vincono più punti (in questo caso 112 a 109) il Fattore C ha evidentemente un valore. Non è un’attenuante, certo, ma con un fardello di otto sconfitte da sostenere anche a Montreal (nel primo “1000” estivo) forse avrebbe aiutato. Marco Cecchinato si ferma invece a un passo dal traguardo nel testa a testa con Diego Schwartzman (reduce dal successo a Los Cabos) che recupera un set di vantaggio, pareggia i conti al tie break e nel terzo annulla addirittura due palle break nell’ottavo gioco.

Il tutto si traduce in un 3-6 7-6(5) 6-4 che vale la sfida con Roberto Bautista Agut al secondo turno. Atteso quasi come un Messia, Felix Auger Aliassime si presenta con una complicatissima vittoria ai danni del connazionale Vasek Pospisil.

Anche in una partita piena di sbavature, in cui stravince il primo set e si fa forzare al terzo set, fa valere la maggiore forza mentale e sigilla alla fine il successo sul 6-2 6-7(3) 7-6(3). Il derby con Milos Raonic al secondo turno potrebbe avere un valore decisamente diverso.

Con lo stesso modus operandi, quindi a fatica, avanzano anche John Isner e Borna Coric. Entrambi costretti a recuperare un set di svantaggio ed entrambi trascinati al tie break del terzo rispettivamente da Jordan Thompson e Peter Gojowczyk.

La sessione serale è invece dedicata a Nick Kyrgios, evidentemente appagato dal successo a Washington, e ad Alexander Zverev. Ancora in rotta di collisione con Nikoloz Basilashvili. Il talentino australiano, infastidito da chissà cosa e bloccato dalla pioggia per quasi due ore non riesce a organizzare un vero piano e contro Kyle Edmund soccombe senza mai rendersi pericoloso in risposta.

Anzi. Al rientro in campo, sul 4-4 nel secondo set, decide di buttare via tre colpi e sostanzialmente anche la partita. Il britannico chiude con un 6-3 6-4 condito da 15 ace e raggiunge al secondo turno Daniil Medvedev. Nonostante qualche difficoltà nel primo set, Zverev riesce invece a cancellare tutte le sei palle break che concede a Cameron Norrie e ad archiviare con 7-6(4) 6-4 la prima pratica a Montreal.

Dove ha peraltro vinto nel 2017. Clicca qui per tutti i risultati di giornata