Atp Kitzbuhel - Sonego fa sudare Thiem, altra finale per Ramos-Vinolas


by   |  LETTURE 4749
Atp Kitzbuhel - Sonego fa sudare Thiem, altra finale per Ramos-Vinolas

L’undicesimo match point complessivo fronteggiato questa settimana ha condannato Lorenzo Sonego all’eliminazione in semifinale al ‘Generali Open’ di Kitzbuhel. Nell’ultimo torneo stagionale sul rosso, il giovane torinese (già certo di entrare nella Top 50) non ha assolutamente sfigurato contro il padrone di casa Dominic Thiem, intenzionato a festeggiare davanti al pubblico amico dopo lo smacco ad Amburgo della settimana scorsa.

L’azzurro ha ceduto soltanto per 6-3 7-6(6) dopo un’ora e 45 minuti di battaglia, interrotta a causa della pioggia a ridosso del tiebreak del secondo set. Nel primo parziale entrambi i giocatori hanno servito davvero benissimo, con Sonego capace di ottenere 11 punti su 12 quando ha messo la prima in campo.

Lo scarso rendimento sulla seconda ha finito per inchiodare il piemontese nell’ottavo game, mentre l’austriaco ne ha approfittato per infilare una striscia di dodici punti a due proprio nel frangente decisivo.

Il cinismo ha consentito a Thiem di scavare il solco e di chiudere 6-3 in 35 minuti, uno score un pizzico bugiardo visto il grande equilibrio sul terreno di gioco. Lorenzo è stato bravissimo a reagire già all’inizio della seconda frazione, tanto da involarsi sul 2-0 nonostante l’inerzia fosse tutta dalla parte del suo avversario.

L’allungo è durato soltanto qualche minuto, dato che il beniamino di casa ha recuperato immediatamente lo svantaggio grazie all’incisività dei suoi colpi di rimbalzo. Da quel momento, il servizio ha ricominciato a fare la differenza da entrambi i lati con zero chance per i ribattitori di tentare lo strappo.

Nonostante il sostegno incessante del suo pubblico, Dominic non è riuscito a piazzare la zampata prima dell’arrivo della pioggia, che ha obbligato l’arbitro a sospendere il gioco sul 6-6. Al rientro in campo Sonego è sembrato più in palla, ha conquistato un mini-break salendo 4-1 tra lo sgomento generale.

Un serve and volley un pochino avventato dell’italiano ha restituito il favore al numero 1 del seeding, abile poi a guadagnarsi un match point sul 6-5. Una magia in controbalzo di Lorenzo su una splendida risposta carica di Thiem ha strozzato l’urlo dei tifosi austriaci, contribuendo a strappare un sorriso anche ad Umberto Rianna.

Il finalista del Roland Garros non si è però demoralizzato aggiudicandosi un incontro molto più sofferto di quanto non dica il risultato. Il 25enne di Wiener Neustadt andrà a caccia domani del 14° titolo in carriera, il primo a Kitzbuhel dopo la finale persa nel 2014 contro David Goffin.

Ad attenderlo c’è uno scatenato Albert Ramos-Vinolas, alla seconda finale consecutiva dopo il trionfo a Gstaad lo scorso weekend. Lo spagnolo ha regolato per la terza volta il talento norvegese Casper Ruud con il punteggio di 7-5 6-4 in un’ora e 43 minuti, recuperando da 2-5 nel set di apertura.

1-1 il bilancio degli head-to-head con Thiem, ma quest’ultimo ha portato a casa l’unica sfida sulla terra andata in scena a Rio de Janeiro due anni fa. Clicca qui per tutti i risultati di giornata