Atp Los Cabos - Passa Fritz, Fognini fuori ai quarti e dalla Top 10


by   |  LETTURE 3213
Atp Los Cabos - Passa Fritz, Fognini fuori ai quarti e dalla Top 10

Limitato evidentemente da un problema di natura fisica, che condiziona gli spostamenti laterali e anche i piani tattici, Fabio Fognini si spegne ai quarti di finale a Los Cabos. Da campione in carica, e numero uno del seeding, dopo il successo ai danni di Marcel Grannollers lascia il passo a Taylor Fritz e momentaneamente abbandona anche la Top 10.

In un primo set in cui considera probabilmente anche l’ipotesi del ritiro, non sfrutta nessuna delle cinque palle break che ha a disposizione a cavallo tra il primo e il terzo game e a fa praticamente in tempo solo a smuovere lo 0 in una situazione di punteggio già ampiamente compromessa.

Il numero uno azzurro si desta dal torpore accumulato, recupera da una quasi disperata situazione di 0-40 in avvio di secondo e se non altro trova delle soluzioni sufficientemente valide per rimanere con la testa avanti e per guadagnare qualche centimetro negli scambi prolungati.

Nonostante una scarsissima percentuale di prime palle in campo e una serie di errori non forzati piuttosto abbondante, Fritz non si distrae nel decimo game quando si ritrova sul 40-40, si spinge fino al tie break e costruisce poi con la collaborazione dell’avversario il 6-1 7-6(1).

Le opportunità per rientrare tra i primi dieci giocatori del mondo per Fognini passano adesso da Montreal, Cincinnati e dall'ultimo Slam in stagione. Lo statunitense, comunque alla terza semifinale negli ultimi quattro tornei, se la vedrà invece con Radu Albot.

Sventola la bandiera biancoceleste nella parte bassa del tabellone. Mentre Guido Pella recupera un set di vantaggio al sorprendente qualificato koreano Soonwoo (e fissa dopo due ore di gioco fissa il punteggio sul 4-6 6-1 6-2) Diego Schwartzman strapazza con un secco 6-1 6-2 Mikhail Kukushkin,.

Si allinea ai quarti di finale, e con due piccole sorprese, il tabellone del Citi Open a Washington. Due break (spalmati chirurgicamente) sono sufficienti al lucky loser Peter Gojowczyk per mettere fine alla marcia di Milos Raonic, a sbarrare la strada a John Isner (cinque volte finalista del torneo) è invece Benoit Paire.

Perfetto nel tie break che spezza gli equilibri e cinico ad assestare poi la spallata a inizio secondo che di fatto decide la partita. In rotta di collisione con il transalpino c’è Stefanos Tsitsipas, che archivia la seconda pratica settimanale con un buon 6-3 7-6(4), con Nick Kyrgios a monitorare la situazione da lontano.

Con una prestazione da 15 ace, condita anche dall’85% dei punti con la prima palla e da una resa quasi perfetta in risposta, il talento australiano abbatte Yoshito Nishioka, approfitta del buco lasciato da Kevin Anderson e aggancia Norbert Gombos.

Dentro proprio grazie al forfait in extremis del sudafricano. Il quarto più affascinante nel “500” di Washington dovrebbe comunque essere quello tra Marin Cilic e Daniil Medvedev. Clicca qui per tutti i risultati di giornata