Atp Queen's - Auger-Aliassime ci prende gusto, Medvedev e Lopez in semi


by   |  LETTURE 3624
Atp Queen's - Auger-Aliassime ci prende gusto, Medvedev e Lopez in semi

Felix Auger-Aliassime non aveva ancora disputato un torneo sull’erba nella sua carriera prima della Mercedes Cup di Stoccarda della settimana scorsa. Il Next Gen canadese ha raggiunto la finale lì ed è vicinissimo a bissare questo risultato anche sull’erba del Queen’s.

Dopo aver sconfitto Stefanos Tsitsipas a Indian Wells all’inizio di quest’anno, Auger-Aliassime si è ripetuto quest’oggi infliggendo un netto 7-5 6-2 al greco ed è diventato il più giovane a centrare le semifinali ai Fever-Tree Championships dalla cavalcata di Lleyton Hewitt nel lontano 1999.

Il 18enne di Montreal ha gestito benissimo la pressione e ha convertito tre delle cinque palle break a sua disposizione, mettendo a segno ben nove aces e ottenendo il 77% di resa con la prima in un’ora e 38 minuti di gioco.

L’ottavo favorito del seeding, che mira alla quarta finale stagionale, se la vedrà domani con il redivivo Feliciano Lopez. Il veterano spagnolo ha rimontato a sorpresa Milos Raonic fino ad imporsi 4-6 6-4 7-6(5) dopo due ore e 17 minuti.

Il 37enne iberico è il secondo semifinalista più anziano al Queen’s nella Era Open, preceduto soltanto da Pancho Gonzales, che aveva addirittura 44 anni quando si spinse fino all’ultimo atto nel 1972.

Ricordiamo che Lopez ha festeggiato tre dei suoi sei titoli proprio sull’erba. Prestazione da incorniciare quella offerta da Daniil Medvedev in apertura di programma. Il russo ha schiantato Diego Schwartzman lasciando per strada soli quattro game, un dominio del tutto inaspettato alla vigilia.

Il 23enne moscovita, che ora vanta un bilancio di 28 vittorie e 12 sconfitte quest’anno, non ha lasciato scampo al povero argentino, incappato in una giornata no dopo le fatiche dei giorni precedenti. A separare Medvedev dalla finale c’è soltanto Gilles Simon, che si è aggiudicato un’epica battaglia sul Campo 1 contro il connazionale Nicolas Mahut.

Il semifinalista dell’edizione 2015 ha chiuso 7-6(5) 5-7 7-6(3) in tre ore e 21 minuti, rifilando così al 37enne di Angers la settima sconfitta in otto precedenti a livello ATP. ‘Gillou’ ha portato a casa in tre set l’unica sfida con Medvedev andata in scena a Lione due anni fa.

Clicca qui per tutti i risultati di giornata