Marco Cecchinato si separa da Simone Vagnozzi dopo due anni e mezzo


by   |  LETTURE 4612
Marco Cecchinato si separa da Simone Vagnozzi dopo due anni e mezzo

E' un giorno storico ma particolare questo lunedì 10 Giugno 2019 per il tennis italiano. Dopo Fabio Fognini, divenuto numero 10 conquistando la top ten mondiale 41 anni dopo Corrado Barazzutti, e le conseguenti e infinite lodi dovute e meritate dal tennista ligure già campione di Montecarlo, arriva la notizia del troncamento improvviso del rapporto di collaborazione professionale tra il palermitano Marco Cecchinato ed il suo storico allenatore, coach Simone Vagnozzi.

Il duo, coordinato e sorretto dal Gruppo Tennis Sangermano, che tra gli altri cura anche gli interessi del tennista Stefano Travaglia, ha raggiunto insieme le vette più alte del tennis professionistico. Coach Vagnozzi ha saputo esportare il tennis brillante del siciliano fuori dal circuito challenger, aiutandolo ad emergere e ad imporsi nel circuito maggiore: 3 titoli atp 250, 1 semifinale slam, e best ranking al n.16 sono solo parte dei fantastici traguardi raggiunti insieme dal tennista trapiantato a Bologna e l'allenatore di Ascoli Piceno.

Ricordiamo che Marco sotto la guida di Vagnozzi, è stato in grado di raggiungere nei tornei disputati almeno la semifinale su ogni superficie, e a tal proposito menzioniamo Eastbourne 2018 (erba) e Doha 2019 (cemento).

Con un post su Instagram Marco oggi ha voluto congedarsi dallo storico coach: "Mentre disputavo il mio match del Roland Garros, ho sentito bisogno di un cambiamento. E dopo aver parlato con Vagno ho deciso di porre fine al nostro rapporto che per due anni e mezzo è stato fonte di stimoli talmente forti che hanno permesso di ottenere successi...difficili da ripetere"

Sicuramente immaginiamo che la sconfitta nel primo turno contro il francese Mahut dopo essere stato in vantaggio di due set, abbia profondamente scosso il ceck, inducendolo a fare ragionamenti profondi e mirati in vista del prosieguo della sua carriera, infatti ha così concluso il suo post: "Il mio impegno futuro è affrontare nuovi percorsi con nuove strategie per tornare ai livelli di massima soddisfazione"

Non si sa ancora il nome di chi subentrerà a Vagozzi, sicuramente Marco è alla ricerca di un vero salto di qualità e per questo starà sondando vari profili, anche tra i più esperti e navigati del circuito, e si prenderà del tempo prima di arrivare ad una soluzione.

Restiamo curiosi di sapere quale sarà il profilo scelto da Marco per il restauroe rinnovamento del suo tennis e per il ritorno ai livelli che gli competono ed a cui ci ha abituato da un anno a questa parte.

Chi pratica il tennis conosce bene quanti pensieri attraversano la testa durante una partita.

Mentre disputavo il mio match del Roland Garros, ho sentito Bisogno di un Cambiamento. E dopo aver parlato con Vagno ho deciso di porre fine al nostro rapporto che per due anni e mezzo è stato fonte di Stimoli talmente forti che hanno permesso di ottenere successi...

difficili da ripetere. 16 best Ranking, La semifinale dello scorso Roland Garros, Vittoria di Budapest, Umag, Buenos Aires e tante altre partite. Grazie Vagno, Mi Hai Insegnato Tanto. Il mio impegno futuro è affrontare nuovi percorsi con nuove strategie per tornare ai livelli di massima soddisfazione.

#admaiorasemper

Un post condiviso da Marco Cecchinato (@ceck1) in data: