Atp Roma - Rafael Nadal suona la nona, battuto Djokovic


by   |  LETTURE 4333
Atp Roma - Rafael Nadal suona la nona, battuto Djokovic

C’è voluto il Foro Italico per far sbloccare Rafa Nadal. Lo spagnolo domina due set, perde quello centrale, contro Novak Djokovic e si conferma campione agli Internazionali BNL d’Italia. Per il maiorchino è un nono titolo al Foro Italico che vuol dire tanto, tantissimo.

Arrivato a Roma senza alcun trofeo nel 2019 e con varie sberle rimediate nelle roccaforti di Monte-Carlo, Barcellona e Madrid, lo spagnolo doveva lanciare un messaggio al tennis mondiale in vista del Roland Garros. E non poteva esserci megafono migliore dell’ultimo grande torneo prima di Parigi e, soprattutto, non poteva esserci avversario migliore di Djokovic.

In tre set Rafa forgia il 54simo capitolo della rivalità più longeva ed equilibrata del tennis mondiale: il serbo resta avanti nel computo degli head-to-head per 28-26, ma subisce il controsorpasso nella statistica dei Masters 1000 visto che col successo di oggi il maiorchino vola a quota 34, uno in più di Nole.

Nadal praticamente non sbaglia mai, Djokovic lo fa spesso. Per le loro caratteristiche questo non può che portare a un risultato simile, per quanto difficilmente prevedibile e ancor meno usuale. Il maiorchino conferma la regola del bagel nella sua edizione romana, un piacevole vizietto che si trascina sin dal debutto.

Il 6-0 che Rafa timbra nel primo set dopo 40 minuti scarsi di dominio è roba da mascella spalancata, tanto che in una rivalità lunga 53 capitoli prima di oggi non era mai accaduto. Per sbloccarsi a Nole serve un game - il primo del secondo set - con tre ace al suo interno.

Insomma, non un grande indizio per il primo giocatore del mondo. Djokovic tiene dentro una quantità enorme di prime palle, ma quando non lo fa – tipo sul 3-3 – rischia grosso. Nel settimo game Nole risorge quasi miracolosamente dallo 0-40, così come nel nono salva una palla break di capitale importanza con un fantastico rovescio vincente in cross.

Rafa, che per 90 minuti sembrava padrone se non esattamente dello scambio quantomeno del punteggio, si ritrova con l’acqua alla gola e finisce per deragliare nel decimo game. Nole va 0-30, commette tre sciocchezze e poi approfitta di un Nadal insolitamente falloso.

La partita che sembrava destinata a finire rapidamente si allunga e diventa battaglia. Il primo game del terzo set già rappresenta una preziosa chiave di volta. Djokovic spreca due palle dell’1-0, Rafa non spreca la prima palla break.

Il maiorchino aizza il pubblico, al contempo dall’altra parte della rete Nole disintegra la racchetta sul rosso del Centrale. È uno scivolone dal quale il serbo non si rialza più. Rafa nel quinto game raddoppia la mole di vantaggio scappando fino al 5-1 che diventa 6-1 con un terzo break addirittura a chiudere la questione sul Centrale.