Atp Madrid - Djokovic dice 33 nella Caja Magica: k.o. Tsitsipas


by   |  LETTURE 3942
Atp Madrid - Djokovic dice 33 nella Caja Magica: k.o. Tsitsipas

Dica trentatré. Novak Djokovic lo dice a Madrid dove fa più o meno ciò che vuole contro uno spento Stefanos Tsitsipas. In una finale a senso unico, il serbo si aggiudica il 1000 numero 33 vincendo per la terza volta il Mutua Madrid Open, uno dei tornei a lui meno congeniali tra quelli sul rosso.

Il greco, che aveva vinto l’unico precedente contro Djokovic giocato l’estate scorsa in Canada, è probabilmente svuotato di energie fisiche e mentali dopo i successi contro Zverev e, soprattutto, Nadal.

Bastano sostanzialmente cinque minuti a Djokovic per mettere le mani sul primo set, almeno ufficiosamente. Per l’ufficialità, invece, occorre aspettare una quarantina di minuti, quelli che il serbo impiega a completare il 6-3 messo in cantiere col break iniziale.

È un Djokovic pressoché perfetto: i vincenti sono tanti (14) e sono anche il doppio esatto rispetto agli errori. Col rovescio Nole è una macchina, specie nella variante in lungolinea. Tsitsipas paga un avvio svagato, cui non riesce a porre rimedio.

Molto più equilibrato il secondo set: il greco è decisamente più solido alla battuta, Djokovic non fa una piega da par suo anche se fallisce due palle break consecutive sull’1-1 che avrebbero potuto indirizzare anche il secondo set dalla sua parte.

L’equilibrio dura fino al 4-4, ovverosia fin quando Nole decide di chiuderla: Tsitsipas commette il gravissimo errore di punzecchiare il passante di rovescio del serbo che prima lo infila in cross e poi in lungolinea.

Stavolta Djokovic non manca l’appuntamento col 15-40 e Stefanos gli dà una mano facendo planare in corridoio il suo dritto. Forte del break, per il numero uno del mondo è un gioco da ragazzi chiudere la questione sigillando con un netto 6-3 6-4 - senza concedere alcuna palla break - il suo terzo titolo madrileno che gli consente di incrementare fino a oltre 4000 punti l’enorme gap di vantaggio su Nadal, il primo degli inseguitori nel ranking.