Atp Madrid: Fognini gioca bene, ma Thiem è troppo “on fire”


by   |  LETTURE 4983
Atp Madrid: Fognini gioca bene, ma Thiem è troppo “on fire”

Nonostante fosse il match con in palio i top-10 ATP, c'erano tutte le premesse affinchè terminasse la striscia vincente di Fabio Fognini. Non ama le condizioni di Madrid (per la prima volta aveva raggiunto gli ottavi), e l'imminenza degli Internazionali BNL d'Italia può averlo condizionato nel match contro Dominic Thiem, forse il giocatore più “hot” del momento.

Nello Stadium 3 della Caja Magica (il match avrebbe forse meritato un palcoscenico migliore), l'azzurro si è arreso in due set all'austriaco (6-4 7-5 lo score). Tuttavia, lascia la capitale spagnola con buone sensazioni.

Dopo due settimane di stop, il fisico sembra averlo lasciato in pace, ma soprattutto ha giocato alla pari contro un top-player. La vittoria a Monte Carlo lo ha proiettato in un'altra dimensione, che gli ha permesso di sfidare l'austriaco senza timori reverenziali.

Vincere aiuta a vincere, ma quando l'avversario è così forte.... ci sono meno rimpianti. In un campo un po' all'ombra e un po' al sole, Fabio ha faticato a leggere il servizio dell'austriaco nel primo set (ha intascato appena 4 punti), ma poi ha dato spettacolo nel secondo.

Dal 3-3 in poi si è visto un tennis di altissimo livello, il meglio che possa offrire la terra battuta in questo momento. Fabio ha avuto la grande chance nell'ottavo gioco, sul 4-3 per lui. Con alcune giocate di classe si era issato a palla break, ma Thiem l'ha annullata con coraggio, prendendosi il punto a rete.

Fabio era bravissimo (un po' fortunato a tenere il game sul 4-4), ma l'undicesimo gioco gli era fatale. Aveva la chance per il 6-5, ma commetteva un grave errore sulla parità e lasciava strada all'austriaco.

A parità di colpi vincenti (17 a testa), hanno fatto la differenza i troppi errori di Fabio (30 a 12), per quanto contro un giocatore così forte dovesse prendere qualche rischio di troppo. Durante il match, Fognini ha un po' battibeccato con Nicolas Massu (coach di Thiem), e ha manifestato qualche segno di nervosismo, ma nel complesso le sensazioni rimangono positive.

A Roma ritroverà condizioni simili a quelle di Monte Carlo e potrà essere tra i protagonisti. Alla Caja Magica rimane in gara Thiem, finalista nelle ultime due edizioni. Nei quarti troverà il vincente di Federer-Monfils.