Atp Estoril - Tsitsipas sa vincere anche sul rosso, si arrende Cuevas


by   |  LETTURE 1746
Atp Estoril - Tsitsipas sa vincere anche sul rosso, si arrende Cuevas

Stefanos Tsitsipas suggella nel migliore dei modi la trionfale settimana dell’Estoril, battendo 6-3 7-6(4) in finale Pablo Cuevas e conquistando così il terzo titolo ATP in carriera, il secondo stagionale dopo quello incassato a Marsiglia lo scorso febbraio ed il primo in assoluto sulla terra battuta.

Dopo aver perso le prime due finali ATP, il talento classe ’98 ha portato a casa quattro delle cinque successive, considerando anche quella vinta alle Next Gen Finals di Milano ai danni di Alex De Minaur. Sul rosso, Tsitsipas aveva perso l’unica finale precedentemente disputata, a Barcellona 2018 contro Nadal.

Per Cuevas, che sarebbe diventato il quarto lucky loser a vincere un torneo ATP nell’ultimo decennio, si tratta della quarta sconfitta su dieci finali giocate in carriera. L’uruguaiano può essere comunque molto soddisfatto della campagna portoghese, che gli ha regalato la prima finale dal marzo del 2017 e gli ha consentito di rifarsi largo in classifica mondiale: da lunedì l’ex numero 19 del mondo si riporterà infatti a ridosso della top 50, forte del balzo di 16 posizioni compiuto in questa settimana.

A decidere il primo set è un solo, chirurgico break, quello che Tsitsipas graffia nel quarto game e che difende poi senza problemi fino al 6-3 finale. Il break realizzato in apertura consente al greco di involarsi nel punteggio anche in apertura di secondo set.

Nel terzo gioco, Cuevas salva una palla break che, se concretizzata dall’avversario, avrebbe definitivamente infranto le speranze del sudamericano; che invece ha il merito di restare attaccato al punteggio e di non mollare la presa.

Lo sforzo viene premiato nell’ottavo game, quando Cuevas conquista tutte insieme le prime tre palle break della sua partita, realizzando il contro-break addirittura a zero. Con un drammatico bilancio di 1 punto a 12, Tsitsipas si ritrova a servire per allungare set e, dopo aver mancato due palle del 5-5, concede il clamoroso set point all’avversario.

Nel momento di massima difficoltà il greco reagisce alla grande, annullando il set point e conquistando a fatica il tie-break. Qui l’equilibrio si spezza, Tsitsipas vola sul 6-1 e archivia la pratica al terzo match point dopo un’ora e 45 minuti di partita.

In classifica, il greco resterà numero 9 del mondo, ma il margine dal numero 8 Del Potro si è decisamente assottigliato.