Atp Montecarlo - Fognini rinasce a casa sua: batte Zverev e va ai quarti


by   |  LETTURE 3767
Atp Montecarlo - Fognini rinasce a casa sua: batte Zverev e va ai quarti

Parecchio strano questo Gioco che molti dicono essere stato inventato dal diavolo. Diavoli o no, a Monte-Carlo Fabio Fognini ha ricacciato via una serie di demoni che lo avevano pungolato per gran parte di 2019 e, rinascendo in quello che è il “suo” torneo, batte un Sascha Zverev in riserva e si regala un quarto di finale nel primo “1000” su terra che fino a qualche giorno fa pareva quasi utopistico.

Il ligure, che se volesse potrebbe addirittura tornare tutte le sere a dormire a casa sua – Arma di Taggia – tanto è vicino al Country Club, aveva perso praticamente contro chiunque tra il tour sulla terra in Sudamerica che s’è trasformato in una scampagnata, il Sunshine Double – chiuso con una vittoria, ma giusto perché perdere su cemento contro Andreozzi è veramente difficile – e perfino Marrakech, dove aveva chiesto una wild card per mettere match e fiducia nelle gambe.

Anche a Monte-Carlo Fabio aveva perso, quasi. Contro Rublev l’azzurro ha ripreso una partita finita, anche con un pizzico di cu…fortuna – detto da lui – e si è ritrovato in un lampo ai piani alti.

Qui, queste partite Fabio le sa giocare. Molto più stimolanti di un primo turno a Buenos Aires, molto più adrenalinici di un banale “250”. 7-6 6-1 il punteggio dopo 90 minuti esatti che lascia intendere l’andamento di una partita esistita solo nella prima metà.

Fabio è molto vicino al suo meglio, Zverev decisamente lontano invece. Giusto ricordare la pessima prestazione del tedesco ma, da qui a vincere ce ne passa. Bravissimo Fognini a gestire meglio il vento che soffiava forte, specie dalla parte del mare, ancor più bravo a uccidere subito la partita subito dopo essersi aggiudicato il tie-break.

Nella fase centrale del set, i due si scambiano break e regali con Fognini che va avanti ringraziando Zverev per il doppio doppio fallo, e Sascha che viene ripagato immediatamente col break a 15. Al tie-break, raggiunto abbastanza tranquillamente da entrambi, Zverev concede ancora due-tre palle che solitamente non si permette di sbagliare.

Bravo e attento Fognini a intascare e poi passare alla cassa, sigillando sull’8-6 il punteggio al secondo set point, il primo però col servizio a disposizione. Proprio quando doveva, Fabio spinge sott’acqua la testa di Zverev e non lo fa più riemergere: il ligure va subito avanti di un break che non solo conferma, ma raddoppia addirittura.

Il dritto vincente in cross sancisce un 5-1 maturato con la pesante partecipazione di Zverev. A Fabio non resta altro che chiudere i conti sul 6-1, festeggiare e aspettare Borna Coric, prossimo avversario ai quarti. Si può fare.