Atp Indian Wells: disastro Zverev (che però è malato), pioggia per Djokovic


by   |  LETTURE 11299
Atp Indian Wells: disastro Zverev (che però è malato), pioggia per Djokovic

Non era mai successo che Jan Lennard Struff superasse tre turni in un Masters 1000. Ce l'ha fatta al BNP Paribas Open di Indian Wells, ottenendo la seconda vittoria in carriera contro un top-5 (tre anni fa aveva battuto Wawrinka a Parigi Bercy).

Le condizioni di salute di Alexander Zverev gli hanno facilitato il compito: è bastata poco più di un'ora per firmare un rapido 6-3 6-1 che lo spinge negli ottavi, in cui potrà giocarsi le sue carte contro Milos Raonic.

Grande tifoso del Borussia Dortmund, Struff aveva perso i quattro precedenti contro Zverev, ma è sceso in campo senza avere nulla da perdere. “Ho giocato una buona partita – ha detto Struff – lui ha certamente sbagliato alcuni colpi, ma alla fine sono lieto di aver vinto”.

In realtà, Zverev era partito piuttosto bene, procurandosi due palle per l'immediato break, ma il numero 55 ATP le ha annullate entrambe. Soltanto tre game dopo, il gioco a tutto campo di Struff ha iniziato a pagare, aprendo prima un buco e poi una voragine nelle difese di Zverev.

Lo strappo è poi arrivato al sesto game (4-2 Struff) e da lì in poi il match è diventato un calvario per il campione delle ATP Finals. In realtà, sul 5-3 ha avuto un paio di chance per effettuare il controbreak, ma è stata un'esalazione agonistica.

Sascha è subito andato sotto nel secondo e l'ultimo game ha simboleggiato l'intera partita: break a zero e doppio fallo sull'ultimo punto. “Sono malato da una settimana – ha detto uno sconsolato Zverev – purtroppo le cose non sono cambiate.

Adesso dovrò tornare in salute, recuperare e prepararmi per Miami, un torneo in cui storicamente ho fatto buone cose. A Indian Wells ho sempre faticato”. Argomentazioni un po' deboli per il numero 3 ATP, che nei grandi appuntamenti continua a deludere.

Stavolta, almeno, aveva un alibi credibile. A Miami, dovrà difendere la finale colta l'anno dodici mesi fa. La sua eliminazione apre un interessante corridoio in tabellone, visto che Kevin Anderson (n.5) non aveva nemmeno giocato, ed erano già usciti di scena Stefanos Tsitsipas (n.9), Roberto Bautista Agut (21) e Alex De Minaur (23).

Il giocatore meglio piazzato ancora in gara è proprio Raonic, che però ha dovuto tribolare parecchio per superare il qualificato Marcos Giron (4-6 6-4 6-4). “Sapevo che avrebbe potuto giocare bene, e in effetti mi ha messo in difficoltà, sfruttando alcune occasioni – ha detto Raonic, finalista nel 2016 – alla fine ho cercato di sfruttare il fatto che fosse la sua prima volta in un palcoscenico così importante”.

Mercoledì si giocherà il terzo scontro diretto tra Raonic e Struff, con il tedesco vincitore poche settimane fa a Dubai. L'altro ottavo di finale sarà totalmente a sorpresa: si sfideranno il baby Miomir Kecmanovic (emerso dal derby serbo contro Laslo Djere) e Yoshihito Nishioka.

Il giapponese ha vinto un match durissimo contro Felix Auger Aliassime, durato quasi tre ore. Avanti 5-1 nel terzo set, Nishioka si è fatto riprendere nonostante tre matchpoint, poi si è trovato in svantaggio 5-3 nel tie-break finale.

Ha radunato le ultime energie e si è aggiudicato gli ultimi quattro punti, per la delusione del pubblico di Indian Wells, compatto e schierato a favore del canadese. L'impressione è che difficilmente Nishioka avrà altre occasioni per battere Auger Aliassime, la cui scalata sembra inarrestabile.

Per fermare Novak Djokovic, invece, c'è voluta la pioggia. Il suo match contro Philipp Kohlschreiber era programmato alle 20 locali (le 4 del mattino in Italia), ma è durato soltanto 18 minuti.

L'insolita pioggia californiana ha costretto i giocatori a uscire dal campo già nel secondo game (erano stati giocati 19 punti). Gli organizzatori hanno aspettato un'oretta, poi hanno deciso: tutto rimandato a martedì.

Il match è stato programmato come terzo a partire dalle 11 locali. Si gioca per affrontare un Gael Monfils in gran forma: lasciando appena tre giochi ad Albert Ramos, ha raccolto la 14esima vittoria su 17 partite giocare nel 2019.