Atp Metz - Tsitsipas spreca un match point e cade all'esordio con Berankis



by   |  LETTURE 1928

Atp Metz - Tsitsipas spreca un match point e cade all'esordio con Berankis

Finisce subito l’avventura a Metz di Stefanos Tsitsipas, che esordiva oggi in Francia da testa di serie numero 2 dopo aver usufruito del bye al primo turno. Davvero deludente la prestazione del greco, arresosi per 6-7(5) 7-6(6) 6-3 al numero 103 del mondo Ricardas Berankis dopo aver sprecato un vantaggio di 4-0 e poi 5-1 nel tie-break del secondo set, dove Tsitsipas ha avuto anche a disposizione un match point.

Per il classe ’98 si tratta della terza sconfitta stagionale contro tennisti fuori dalla top 100 (aveva perso ai quarti di Dubai con il 117 del mondo Jaziri e al secondo turno di Halle con il 109 Kudla), addirittura la quarta nelle ultime cinque partite disputate: dopo la sorprendente finale di Toronto, il greco ha infatti perso al primo turno a Cincinnati e ha racimolato un magro secondo turno a Flushing Meadows, prima della debacle odierna.

Berankis può invece festeggiare l’accesso al 17mo quarto di finale Atp in carriera, il primo dall’ottobre scorso, quando a Mosca il lituano si spinse fino alla finale. Affronterà adesso Radu Albot, che dopo aver lasciato sette giochi a Herbert fa ancora meglio contro Marton Fucsovics, liquidato con un netto 6-3 6-2.

Ko anche il numero 7 del seeding Filip Krajinovic, che si arrende al qui due volte campione Gilles Simon. Il francese recupera un set e un break di svantaggio, prima di imporsi per 4-6 7-5 7-5 dopo due ore e mezzo di battaglia e di vendicare così la sconfitta subita per mano del serbo agli ottavi di Marsiglia lo scorso febbraio: tra lui e la semifinale c’è ora soltanto il derby casalingo con la testa di serie numero 4 Richard Gasquet, qui finalista 14 anni fa.

Finisce 2-0 il confronto odierno tra Germania e Francia, e tutto inaspettatamente a favore dei teutonici. A fare scalpore è innanzitutto la caduta di Benoit Paire, sorpreso in tre set da Yannick Maden. Il tedesco passa per 6-4 3-6 6-3 e si garantisce in tal modo il secondo quarto di finale in carriera nel circuito maggiore, dopo quello raggiunto sul rosso di Budapest sempre nel 2018 e perso per mano di John Millman.

Poche ore dopo, è sempre un tedesco, Matthias Bachinger, ad estromettere un giocatore di casa, ma stavolta c’è lo zampino della sorte: al posto del numero 3 del seeding Lucas Pouille, infatti, Bachinger si è trovato di fronte il lucky loser Gregoire Barrere, catapultato addirittura al secondo turno grazie al bye spettante a Pouille all’esordio.

Contro il classe ’94, numero 155 del mondo, Bachinger non ha avuto alcun problema ad intascare il 6-0 6-3 finale in appena 58 minuti di partita. I due tedeschi si giocheranno adesso un clamoroso posto in semifinale. Per quanto riguarda Pouille, invece, il numero 1 di Francia ha optato per un ritiro precauzionale a causa di un fastidio alla schiena.

In chiusura di programma, il talento francese classe '98 Ugo Humbert fa sognare il pubblico di Metz contro Nikoloz Basilashvili: alla fine è però il numero 31 del mondo a spuntarla in rimonta e a raggiungere ai quarti la testa di serie numero 1 Kei Nishikori.
Clicca qui per visualizzare i risultati dell’Atp 250 di Metz

↓ VISUALIZZA RISULTATI ↓