ATP ROMA - Zverev inizia la difesa del titolo, nulla da fare per Berrettini


by   |  LETTURE 2206
ATP ROMA - Zverev inizia la difesa del titolo, nulla da fare per Berrettini

Sale a dieci la striscia di vittorie consecutive di Alexander Zverev che inizia nel migliore dei modi la difesa del titolo agli Internazionali BNL d’Italia. Ricordiamo infatti come il 21enne di Amburgo non perda un match dalla semifinale di Montecarlo dinnanzi a Kei Nishikori, antipasto di una sontuosa doppietta realizzata in quel di Monaco e Madrid.

A farne le spese nelle serata odierna è stato purtroppo il nostro Matteo Berrettini, entrato in tabellone beneficiando di una wild card e giustiziere al debutto dello statunitense Frances Tiafoe, capace di spaventare il più quotato rivale nel parziale di apertura salvo poi arrendersi di fronte alla superiorità di Sascha impostosi 7-5 6-2 dopo un’ora e mezza esatta.

L’avvio di gara fornisce un esempio lampante dei progressi effettuati dall’allievo di Vincenzo Santopadre nel recente periodo, visto che il padrone di casa sembra non patire troppo la pressione di una cornice incantevole mettendo anzi alle corde il numero due del seeding e guadagnandosi anche tre palle break consecutive sul 2-1.

Il poderoso servizio consente al teutonico di risalire dallo 0-40 con tanto di pugnetto, senza che Matteo si lasci tuttavia influenzare dalla chance sprecata proseguendo in maniera impeccabile nel suo piano tattico ricco di slice e variazioni improvvise.

Man mano che si entra nella fase cruciale del set emerge progressivamente il nervosismo di Zverev, soprattutto quando il detentore del trofeo manca quattro palle break nel corso di un emozionante nono game dove Berrettini infiamma il pubblico del Foro Italico grazie al suo indiscutibile carattere.

Il coraggio ostentato dal romano, che avrebbe forse meritato di essere premiato almeno con il tiebreak, si scontra però con il cinismo dell’avversario che infila una striscia di otto punti a due e si proietta verso la conquista del set.

Sascha ottiene più del 70% dei punti sia sulla prima che sulla seconda, oltre a trovare maggiore incisività in risposta come dimostra il break piazzato nel game inaugurale della seconda frazione. Da sottolineare anche una pericolosa caduta di Berrettini frutto di una storta alla caviglia, priva fortunatamente di ulteriori conseguenze per il giovane talento nostrano.

Il cammino di Alexander diventa sempre più scevro di ostacoli complice anche il fisiologico calo dello sfidante, la cui resa ufficiosa corrisponde all’ulteriore break subito nel quinto game che permette al nativo di Amburgo di rivolgere già la mente agli ottavi dove troverà il britannico Kyle Edmund.

Ottimo avvio per Juan Martin del Potro reduce dall’eliminazione precoce a Madrid, con il gigante di Tandil che ha dovuto faticare soltanto un set prima di sbaragliare la resistenza del gioiellino ellenico Stefanos Tsitsipas arresosi 7-5 6-3 quasi allo scoccare dell’ora e trequarti di gioco.

L’astro nascente del movimento greco ha pagato a carissimo prezzo la frustrazione derivante dalla ghiotta occasione sprecata nella frazione inaugurale, quando il fuoriclasse argentino gli ha recuperato un break di vantaggio prima di far valere le sua maggiore esperienza ad un passo dal tiebreak.

Il campione di Indian Wells, apparso decisamente più sciolto durante il secondo parziale, avrà tuttavia bisogno di ingranare una marcia superiore già a partire dal prossimo turno visto che dall’altra parte della rete troverà il belga David Goffin.

Rischia tantissimo ma avanza agli ottavi anche Marin Cilic, che nella ripresa del match sospeso ieri a causa della pioggia ha necessitato di due ore e mezza di battaglia per rimontare l’americano Ryan Harrison fino al 6-7(3) 6-1 7-6(1) conclusivo. Due ore e mezza di lotta spediscono infine Denis Shapovalov ad un ottavo imperdibile contro il re della terra Rafael Nadal.

Clicca qui per visualizzare i risultati odierni degli Internazionali BNL d'Italia

↓ VISUALIZZA RISULTATI ↓