ATP HOUSTON - Johnson frantuma i sogni di Sandgren e si conferma campione


by   |  LETTURE 865
ATP HOUSTON - Johnson frantuma i sogni di Sandgren e si conferma campione

Cinque su cinque, come Jaime Yzaga nel 1991. Steve Johnson rimane undefeated contro il battaglione statunitense e fa di più: sulla terra di Houston acciuffa la nona vittoria consecutiva e si conferma campione. Terzo alloro in carriera per il californiano, che abbatte la resistenza di Tennys Sandgren - alla prima finale in carriera - grazie a un 7-6(2) 2-6 6-4 che partorisce in poco più di due ore. Rivolto a papà Steve Sr. (scomparso nel maggio 2017) il primo pensiero nel dopo-partita.

Sono complessivamente quattro le chance di break a disposizione del californiano a cavallo tra il secondo e il quarto game. Quattordici in tutto il match. Johnson - che arriva sul 5-5 con l'82% di punti con la prima palla - paga anche due errori in fase di impostazione e un doppio fallo sul 40-40, ma trova rifiugio nel jeu decisif grazie e un turno di risposta efficace e non solo efficiente. Al rush finale lascia per strada solamente due punti.

Nella seconda frazione Sandgren mischia le carte in tavola. Anche se fino al 3-2 fatica a contenere il connazionale in risposta. Lo sfidante graffia il break nel sesto gioco e con una maggiore elasticità negli scambi prolungati - rispetto alle prime fasi dell'incontro - trova la via per allungare la faccenda al terzo con un parziale di 4-0. 

Sandgren trova quantità e qualità con la prima palla, almeno fino al nono gioco. La paura è una componente fondamentale del match e Johnson fa valere la maggiore esperienza con la linea del traguardo in bella vista e con due quindici di svantaggio in saccoccia. Nell'ultimo turno di battuta del match, il californiano cancella una pericolosissima palla del contro-break con un tracciante di dritto e al primo match point sigilla il successo con un servizio vincente.

ATP Houston, Finale

[6] S. Johnson b. [8] T. Sandgren 7-6(2) 2-6 6-4