ATP MARRAKECH - Andujar, trionfo da record


by   |  LETTURE 1955
ATP MARRAKECH - Andujar, trionfo da record

L'esperienza e l'emozione, il ricordo che si fa ritorno. Pablo Andujar torna a trionfare al Grand Prix Hassan II dopo i due titoli del 2011 e 2012, quando si giocava a Casablanca. Lo spagnolo batte 62 62 Kyle Edmund, testa di serie numero 2, arrivato senza perdere un set alla prima finale in carriera.

Andujar, in tabellone con il ranking protetto, da numero 355 del mondo diventa il giocatore con la più bassa classifica a vincere un titolo ATP dal primo trionfo del sedicenne Hewitt ad Adelaide nel 1998 (era numero 550).

Lo spagnolo completa la 15ma vittoria nelle 17 partite giocate in questo torneo, e allunga la striscia che l'ha portato a vincere un Challenger, ad Alicante, e un torneo ATP in due settimane consecutive, come era riuscito a fare, da ultimo, Ryan Harrison a Dallas e Memphis l'anno scorso.

Edmund, che a marzo è salito al best ranking di numero 24, ha solo sognato di diventare l'undicesimo britannico con un titolo ATP dal 1970 e il settimo in top 20 nell'era del ranking computerizzato dopo Andy Murray, Tim Henman, Greg Rusedski, Roger Taylor, Mark Cox e Buster C.

Mottram. Il britannico aveva battuto lo spagnolo nell'unico precedente, in qualificazioni a Pechino nel 2016. Si presenta in campo con il primato di game di servizio e di risposta vinti in settimana, ma subisce due break nei primi due turni di battuta.

Andujar cancella due palle break nell'ottavo game, tiene anche grazie a un nastro fortunoso, e chiude con pieno merito il primo set 62. Edmund manca di ritmo, sbaglia troppo, perde il servizio anche nel primo game del secondo set.

E la partita smette di fatto di avere storia. Il britannico firma un illusorio controbreak sul 2-4 ma non basta per evitare che lo spagnolo veleggi verso il primo titolo ATP dal 2014. Al britannico resta comunque una settimana più che incoraggiante, dopo i risultati balbettanti post Australian Open, e un orizzonte migliore da cui guardare al debutto a Montecarlo contro Andreas Seppi.

Segue